rotate-mobile
Cronaca Garbagnate Milanese

L'uomo con la cocaina nel bagno e i soldi nel piumone

Un 43enne arrestato dai carabinieri. Era stato espulso dall'Italia nel 2021

Era tornato in Italia. Ed era tornato per farci affari. Un uomo di 43 anni, un cittadino albanese, è stato arrestato domenica pomeriggio a Garbante con le accuse di reingresso illegale in Italia e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. 

Per lui - che a luglio 2021 era stato espulso con un divieto di rientro sul territorio nazionale fino al 2026 - i guai sono iniziati nel primo pomeriggio, quando i carabinieri hanno deciso di effettuare un controllo in un bar di via Kennedy. Alla vista dei militari, il 43enne ha cercato di fuggire dalla porta sul retro gettando via tre involucri, al cui interno c'erano 2 grammi di cocaina. Bloccato e pequisito, l'uomo è stato trovato in possesso di 1.170 euro in contanti e bigliettini con nomi e cifre - evidentemente appunti sulle ultime vendite -, oltre alle chiavi di una macchina e di una stanza di un bed and breakfast di Bollate. 

A quel punto, i carabinieri hanno controllato il veicolo e dentro, nel portabagagli, hanno sequestrato 47 grammi di "coca". Nel bagno dell'hotel, invece, sono stati scoperti altri 45 grammi di droga, mentre nascosti in un piumone c'erano 13mila euro. Altri 1.880 e 1.240 franchi erano invece "sistemati" nel comodino della stessa stanza. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'uomo con la cocaina nel bagno e i soldi nel piumone

MilanoToday è in caricamento