Terrorismo, attenzione alta a Milano: "Barriere anti camion in Galleria, Darsena e Navigli"

Parla Anna Scavuzzo, la vice sindaco: “Abbiamo concordato di mantenere alta l’attenzione"

Le nuove barriere in Galleria

Saranno rafforzate le misure di sicurezza a Milano. Dopo l'attacco terrorista di Barcellona - nel quale è morto anche un ragazzo di Legnano, Bruno Gulotta (chi era), in vacanza con la moglie e con i figli (il racconto della donna) - il Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza convocato in Prefettura ha deciso nuove misure. Una situzione analoga a quella del post attentato a Berlino. In quell'occasione si decise di installare barriere anti-camion in alcuni posti strategici della città.

“Ci stiamo concentrando sulla zona del Duomo e della Galleria Vittorio Emanuele II, e stiamo facendo una verifica per le zona dei Navigli e della Darsena, che oggi sono molto frequentate anche in assenza di manifestazioni particolari, che hanno bisogno di un’attenzione ulteriore, magari anche con il posizionamento di nuovi ‘new jersey'”. Lo ha dichiarato la vicesindaco del Comune di Milano, Anna Scavuzzo.

Già da venerdì i “ghisa” e i vigili del fuoco, in accordo con la prefettura e la questura, avevano posizionato nuove barriere di cemento armato agli ingressi laterali per impedire eventuali accessi in auto nella zona pedonale della Galleria che giunge in piazza Scala e in piazza Duomo.

“Abbiamo concordato di mantenere alta l’attenzione e di richiamare tutti ad una responsabilità ulteriore, e nelle prossime settimane ci saranno una serie di approfondimenti tecnici per eventuali altre misure da perfezionare” ha aggiunto Scavuzzo, precisando che “non ci sono stravolgimenti rispetto all’attenzione attuale né un aumento degli uomini delle forze dell’ordine in presidio ai luoghi sensibili, ma un efficientamento”. Per quanto riguarda corso Buenos Aires, la lunga arteria di negozi che collega Porta Venezia a piazzale Loreto, la vicesindaco ha spiegato “che stiamo verificando eventuali criticità”. Uno dei problemi del posizionamento di ulteriori “new jersey” è il rischio di creare impedimenti ai mezzi di soccorso.

Alla riunione del Comitato, convocata dal prefetto Luciana Lamorgese su impulso del ministro dell’Interno Marco Minniti, hanno partecipato oltre al vicesindaco, i vertici locali delle forze dell’ordine, dell’Esercito e dei vigili del fuoco. L’incontro è stato presieduto dal viceprefetto vicario Darco Pellos.

Leggi anche: Aperto un conto Paypal per raccogliere fondi per la famiglia di Bruno

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento