menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Carabinieri e polizia locale nel campo

Carabinieri e polizia locale nel campo

La "centrale" delle batterie rubate nel Parco del Ticino

Sequestrato un intero "quartiere" abusivo: applicata la legge sulla "Terra dei fuochi". Le batterie venivano rivendute in Romania e provenivano da tutto il nord

Quattromila metri quadri abitati abusivamente nel Parco del Ticino sono stati sequestrati dai carabinieri e dalla polizia locale di Vigevano, applicando (tra le prime volte in Italia) la cosiddetta norma "Terra dei fuochi", che ha introdotto il delitto di combustione illecita di rifiuti abbandonati, reato per il quale sono state denunciate tre persone (altre tre per furto aggravato). Durante l'operazione sono stati anche identificati in tutto 28 rom, tutti pregiudicati, che abitavano nel "quartiere" ma soprattutto vi svolgevano attività illecite di smaltimento rifiuti.

L'operazione ha portato al sequestro di 10 mila batterie dismesse di veicoli, 5 tonnellate di bancali in legno, 10 quintali di copertoni di gomma, 2 automobili bruciate. E poi centinaia di elettrodomestici, pezzi di motori e ricambi d'auto, diversi quintali di materiale bruciato.

Da tempo erano arrivate segnalazioni, da tutto il nord Italia, che le batterie rubate arrivavano nel Parco del Ticino. Batterie che vengono portate in Romania per estrarne il piombo oppure, svuotate dell'acido solforico, riparate e - sempre in Romania - rimesse sul mercato.

Sequestrati anche, per abuso edilizio, tre capannoni e una fossa biologica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento