L'arcivescovo Delpini benedirà diversi condomini popolari di Milano: il programma

Il gesto tipico delle festività non avverrà infatti non nei singoli appartamenti, ma nella locale parrocchia e dai cortili di alcuni palazzi popolari

Repertorio

L’arcivescovo di Milano, Mario Delpini, si recherà in via Padova venerdì 11 dicembre, dalle 17.30, per un’insolita benedizione natalizia delle case e delle famiglie. Per rispetto dei protocolli e delle norme di distanziamento sociale, imposte dalla pandemia, il gesto tipico delle festività non avverrà infatti non nei singoli appartamenti, ma nella locale parrocchia e dai cortili di alcuni palazzi popolari. Inoltre la visita dell’arcivescovo sarà anche l’occasione per incontrare le diverse comunità etniche che popolano il quartiere.

La visita dell’arcivescovo inizierà alle 17.30 dalla chiesa di San Giovanni Crisostomo, che proprio nei prossimi giorni celebra i 45 anni di consacrazione. In parrocchia Delpini incontrerà per un momento di preghiera le famiglie, i gruppi di catechismo, i giovani che stanno collaborando con la Caritas parrocchiale nella distribuzione degli alimenti alle famiglie indigenti, i membri del Consiglio parrocchiale e degli affari economici.

Dopo la preghiera, l’arcivescovo si sposterà nel parcheggio antistante la chiesa per benedire i tassisti e i negozianti di alcuni esercizi commerciali: tra loro anche un fiorista bengalese e i titolari di un ristorante cinese. Quindi Delpini entrerà al civico 109 e dal cortile, con un altoparlante, impartirà la benedizione alle famiglie affacciate alle finestre. Poi, nei pressi di una macelleria islamica, al civico 115 l’arcivescovo consegnerà la Lettera di Natale per le famiglie islamiche al responsabile della Casa di cultura musulmana di via Padova, Mahmoud Asfa.

Infine raggiungerà i caseggiati compresi tra via Tarabella 4, Cesana 3 e Palmanova 59, dove benedirà sempre dal cortile le famiglie e concluderà la visita rendendo omaggio al presepe allestito presso la propria sede dal comitato di inquilini “Cortili solidali”, il cui presidente, Gianni Para, è Ambrogino d’Oro per meriti sociali. In occasione della visita, gli inquilini dei palazzi raccoglieranno generi alimentari che consegneranno alla Caritas affinché siano distribuiti alle famiglie più povere.

“La benedizione dai cortili è un modo che abbiamo trovato per non far venire meno la nostra vicinanza alle famiglie in un tempo così drammatico – osserva il parroco, don Felice Capellini -. Viene un po’ meno l’intimità dell’incontro nelle case, che sarebbe rischioso per il contagio. Ma rimane un gesto di attenzione e d’incoraggiamento tanto più necessario ora in cui tante persone soffrono per lutti, perdita del lavoro, incertezza del futuro. La visita dell’arcivescovo ci incoraggia a proseguire in questa direzione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

  • Da oggi al 15 gennaio Lombardia in zona arancione, cosa si può fare e cosa no

Torna su
MilanoToday è in caricamento