Cronaca Quintosole / Via Quintosole

Ruba benzina per 300mila euro dal camion della ditta e la rivende

E' stato sequestrato anche un capannone abusivo dove la nafta veniva rivenduta

L'uomo rubava dal camion

I carabinieri della stazione di Vigentino hanno sequestrato un capannone a Caorso (Piacenza). La struttura era a tutti gli effetti una stazione di rifornimento carburante illegale. Il gestore, un cittadino romeno residente a Piacenza, O. N., di 52 anni è stato arrestato. Insieme con lui, è finito in manette M. P. romeno di 41 anni che è stato beccato mentre vendeva il carburante del tir della ditta dove lavorava da tempo, ovviamente in maniera furtiva.

E' stato quest'ultimo camionista 'infedele' a condurre i militari nel capannone. Le gazzelle infatti lo stavano monitorando e pedinando già da diversi giorni dopo che il titolare dell'azienda di logistica presso la quale lavorava, la Ricci Trasporti di via Quintosole 42 a Milano, aveva segnalato una anomalia nel conteggio del carburante consumato dai propri dipendenti: 42 camionisti in tutto che si rifornivano all'interno della ditta stessa con una pompa indipendente.

Grazie alla presenza del gps in ognuno dei camion e a quanto indicato di volta in volta dal tachigrafo, i dirigenti dell'azienda insieme con gli investigatori hanno piano piano escluso tutti i loro autotrasportatori. Tutti tranne uno. Il gps sul tir guidato dal 41enne segnalava una sistematica  fermata non prevista dai suoi tragitti: Caorso. 

Un'abitudine che andava avanti da parecchio, tanto che il danno stimato per la Ricci si aggira intorno ai 300mila euro, circa 10mila litri di gasolio a settimana, per 20mila euro al mese. Giovedì 16 gennaio, mentre i carabinieri erano sulle sue tracce, l'uomo ha prima sganciato il cassone in un'area di sosta della superstrada, poi con la sola motrice è andato nella zona industriale del comune piacentino ed è entrato nel capannone gestito dal suo connazionale. A quel punto, i militari hanno fatto irruzione. L'uomo aveva già travasato 700 litri di nafta. All'interno, oltre ai due arrestati, ci sono quattro persone pronte a comprare il carburante appena rubato: per loro scatta la denuncia per ricettazione: si tratta di due italiani di 56 e 46 anni, un altro romeno di 35 e un macedone di 23.

Ma non finisce lì, sono in corso accertamenti per individuare clienti e fornitori del benzinaio abusivo di Caorso che risulta intestato ad una donna di origine moldava.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ruba benzina per 300mila euro dal camion della ditta e la rivende

MilanoToday è in caricamento