menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Silvio Berlusconi

Silvio Berlusconi

Ruby, ad Arcore "collaudato sistema di prostituzione"

Ecco i tratti essenziali delle motivazioni della sentenza con cui Silvio Berlusconi è stato condannato a 7 anni per il caso Ruby

Dopo l'iniziale divieto per i giornalisti ad accedere alle motivazioni della sentenza di condanna a sette anni per Silvio Berlusconi sul caso Ruby, motivazioni depositate giovedì 21 mattina, si iniziano a conoscere alcuni dei contenuti.

Ruby era "stabilmente inserita" nel "collaudato sistema prostitutivo di Arcore". E - secondo quanto si legge - sarebbe "provato che l'imputato abbia compiuto assi sessuali con 'Ruby' in cambio di ingenti somme di denaro e di altre utilità, quali gioielli''. Ovvero, Ruby ad Arcore si prostituiva e Silvio Berlusconi ha compiuto atti sessuali a pagamento con lei.

Ma c'è di più: per i giudici, Berlusconi era a conoscenza della minore età di Ruby, fatto che fa scattare l'accusa di prostituzione minorile. A dare ai giudici questa certezza, "la cronologia degli accadimenti" e "il chiaro contenuto dei dialoghi captati". Nessuno scampo quindi per l'ex premier, definito "regista" dei Bunga Bunga.

Riguardo poi alla famosa "notte in questura", quando Ruby venne fermata per un'ipotesi di furto e ci fu la celebre telefonata in seguito alla quale Ruby venne affidata all'allora consigliere regionale Nicole Minetti nonostante la minore età della ragazza, i giudici scrivono che la telefonata di Berlusconi al capo di gabinetto fu fatta "al fine di ottenere per sé un duplice vantaggio": in particolare, l'ex premier voleva evitare che Ruby "svelasse l'attività di prostituzione". E d'altro canto, rilasciata, avrebbe potuto continuare "indisturbata a frequentare la privata dimora di Arcore". Un intervento che i giudici definiscono "pesante" sulla "libertà di autodeterminazione" del capo di gabinetto stesso.

Ha colpito i giudici "la sproporzione tra l'intensità e la costrizione, proveniente dalla seconda carica istituzionale dello Stato, rispetto allo scopo avuto di mira, nel caso di specie il rilascio di una prostituta di 17 anni''.

Secondo i giudici, inoltre, Berlusconi - anche attraverso somme di denaro corrisposte a Ruby e ad alcuni testimoni - avrebbe una "capacità a delinquere consistita nell'attività sistematica di inquinamento probatorio a partire dal 6 ottobre 2010".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento