menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un tagliando Atm

Un tagliando Atm

Milano: caccia ai biglietti Atm "clonati" e scontati

Si vendono in forma anonima su Tor: per gli utenti funzionano. Prezzi dimezzati. Atm presenta denuncia alla polizia postale

Grazie al sistema di comunicazione anonima Tor vengono venduti illegalmente in internet falsi biglietti dei mezzi pubblici di Milano. Ovviamente a prezzi stracciati. Lo ha segnalato Atm alla polizia postale.

Repubblica riporta le tariffe: il tagliando ordinario da 1,50 euro in rete costa 50 centesimi, il giornaliero da 4,50 euro è venduto a 2 euro e il carnet da dieci viaggi costa appena 6 euro anziché 13,80.

Non si sa quanti tagliandi falsi siano in circolazione. "Appena siamo venuti a conoscenza dell'esistenza del mercato online dei biglietti contraffatti abbiamo sporto denuncia e rafforzato i meccanismi di verifica", comunica Atm. L'azienda sostiene di avere "ulteriormente sviluppato" nelle ultime settimane un meccanismo che già esisteva: le macchinette elettroniche che leggono le bande magnetiche sarebbero ora in grado di distinguere un biglietto genuino da uno clonato.

Quello falso avrebbe infatti "lo stesso numero di serie dell'originale" e sarebbe quindi "immediatamente riconoscibile dal lettore". In pratica, secondo Atm, i tagliandi clonati non funzionano, scrive il giornale di largo Fochetti. 

Secondo gli utenti che hanno usato i titoli di viaggio, invece, i tagliandi funzionano. Sarebbero acquistabili attraverso Tor (The onion router), un software che permette di navigare in forma anonima in una sorta di web "nascosto". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento