Cronaca

San Paolo, dopo i ritardi sulle biopsie se ne andrà il responsabile del laboratorio

Pronto per lui un altro posto. Intanto si viene a sapere che i medici che se ne sono andati avevano dato il preavviso a luglio

Il San Paolo

Il primario dell'ospedale San Paolo, Gaetano Bulfamante, responsabile del laboratorio di anatomia patologica, sarà a breve sostituito in seguito alla vicenda delle biopsie i cui esiti hanno tardato mesi ad arrivare ai pazienti a causa di tre (e non quattro, come inizialmente si pensava) medici a tempo determinato che se n'erano andati e non sono stati sostituiti per tempo. 

La sostituzione - riferisce il Corriere della Sera - deve essere comunque concordata tra ospedale e università, perché Bulfamante è docente in Statale. Dovrebbe però essere una questione di formalità, perché perfino l'assessore al welfare Giulio Gallera aveva definito inaccettabile la situazione che s'era venuta a creare. Per lui sarebbe pronto il posto nella diagnostica delle patologie feto-placentari, una disciplina di cui è esperto. 

Si è messo "a disposizione" anche il direttore generale del San Paolo, ma per ora senza presentare dimissioni formali. Il Corriere è anche in grado di riferire che il preavviso non sarebbe stato di 15 giorni come inizialmente pensato, ma risalirebbe a luglio per novembre, ma nonostante questo il concorso per sostituire almeno i primi due (il terzo se n'è andato a gennaio) sarebbe andato molto a rilento.

Nel frattempo, l'Asst Nord Milano (ospedali di Sesto e Cinisello oltre ai 20 poliambulatori milanesi) si è rivolta al San Gerardo per le biopsie da analizzare, da gennaio in avanti, per evitare ulteriori ritardi. Prima le biopsie erano effettuate nei laboratori del San Paolo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

San Paolo, dopo i ritardi sulle biopsie se ne andrà il responsabile del laboratorio

MilanoToday è in caricamento