Cronaca Chinatown / Via Paolo Sarpi

Il ristorante trasformato in bisca clandestina (con migliaia di euro sui tavoli)

Il blitz della finanza in un locale di Chinatown. Denunciati in sette

Non più piatti, bicchieri e posate sui tavoli. Ma fiche, soldi e carte. Blitz della guardia di finanza in un ex ristorante di Milano, da tempo chiuso e adesso trasformato in una vera e propria bisca clandestina. 

I controlli sono scattati lunedì mattina, quando i Baschi verdi passando fuori dal locale hanno notato che le luci all'interno erano accese, nonostante il ristorante da settimane ormai non fosse più attivo. A quel punto, i militari sono entrati e hanno subito sentito un vociare concitato che arrivava dal piano superiore. 

Il perché è stato chiaro poco dopo. Al primo piano era infatti in corso una partita di poker - con ben 11mila euro in contanti sul tappeto verde - tra sette uomini, tutti cinesi tra i 20 e i 30 anni poi denunciati per il reato di "partecipazione in luogo aperto al pubblico a gioco d’azzardo". In altre stanze i finanzieri hanno poi scoperto un secondo tavolo da poker, un tavolo utilizzato per il gioco cinese mahjong, altre fiche e diversi mazzi di carte ancora sigillati. 

La presenza degli "strumenti del mestiere" ha convinto la Gdf - come si legge in una nota - che "l'attività di gioco d’azzardo venisse svolta già da tempo presso il locale pubblico". E infatti tutte le sale trasformate in una sorta di casinò sono state sequestrate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ristorante trasformato in bisca clandestina (con migliaia di euro sui tavoli)

MilanoToday è in caricamento