Diminuiscono i senzatetto, "ma l'emergenza non è finita"

Scendono dal 15/20% la presenza dei senzatetto a Milano rispetto al 2013. Colpa della bassa attrattivtà del paese ma anche grazie alla partnership tra le associazioni volontaristiche e il Comune

I kit di Progetto Arca

Finalmente un dato in controtendenza: a Milano diminuiscono i senzatetto, - 15/20% rispetto al 2013. Ma “nessun trionfalismo - ha sottolineato l’assessore alle politiche sociali Pierfrancesco Majorino martedì 20 gennaio, durante un incontro con al stampa - l’emergenza povertà rimane: gestire circa 2200 persone senza fissa dimora, di cui 1700 ospiti nei centri d’accoglienza e 500 ancora in strada perché rifiutano il nostro aiuto, è un problema gigantesco”.

Per la prima volta, dal 2011 ad oggi, i censimenti realizzati dal comune e dalle associazioni di volontariato registrano un calo significativo della presenza dei cittadini senza dimora. Attualmente sono 2263 i soggetti bisognosi di assistenza (un anno fa erano 2637), 1766 di loro (perlopiù uomini) sono accolti in strutture messe a disposizione per l’emergenza freddo. Altri 497, invece, vengono seguiti per strada dalle unità mobili.

Ma quali sono i fattori che hanno permesso questo risultato? “Credo che le cause siano di vario genere - ha commentato l’assessore Majorino -. Da una parte la nostra città, rispetto a prima, ha un’attrattiva più bassa per via della crisi. Inoltre i flussi migratori sono spesso in uscita dal nostro Paese. Dall’altra parte, invece, c’è anche il successo dei servizi sociali, delle associazioni di volontariato e del comune che dal 2011, grazie ai percorsi di sostegno al reddito riguardanti 102 milioni di euro da noi erogati, ci hanno permesso di dare un piccolo aiuto contro la povertà”.

La Fondazione Progetto Arca, una delle unità a sostegno dell’intervento sociale per il piano invernale, nonostante il calo dei senzatetto, ha voluto intensificare le azioni di solidarietà ai più bisognosi, offrendo ogni giorno 1000 posti letto negli 8 Centri di accoglienza e distribuendo 2500 pasti all’interno dei Centri e attraverso le unità di strada.
Ma non solo: “In questi mesi (gennaio e febbraio), per fronteggiare l’emergenza freddo, distribuiremo migliaia di kit “scalda-corpo” e 500 kit igienico-sanitari contenenti un cambio di intimo e vari accessori per l’igiene personale” ha spiegato il presidente di Progetto Arca Alberto Sinigallia.

Per aiutare l’opera di Progetto Arca, però, è importante il contributo di tutti. Fino al 1° febbraio 2015, con un SMS solidale al 45506, è possibile donare 2€ ai meno fortunati e contribuire così al loro reinserimento nella società.
Inoltre, se vede per la città persone che necessitano di un riparo, telefonate al Centro Aiuto Stazione Centrale a questi numeri 02 884 47643 – 02 884 47646 – 02 884 47647 – 02 884 47648 – 02 884 47649 (aperto tutti i giorni dalle 8:30 alle 24 e il fine settimana dalle 9).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, la Lombardia è zona rossa fino al 31 gennaio: "Non è punizione". Le regole

Torna su
MilanoToday è in caricamento