menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Morìa di cani in Sempione

Morìa di cani in Sempione

Presunta morìa di cani, il Comune: "Nessun boccone avvelenato trovato"

Palazzo Marino ha intensificato i controlli del parchi cittadini dopo le denunce, sui social, sulle morti di cani con i bocconi letali: "Ufficialmente non abbiamo riscontri; bisogna rivolgersi alle autorità"

Dopo l'articolo pubblicato su MilanoToday riguardo la presunta morìa di cani al Parco Sempione e in altre aree verdi cittadine, il Comune di Milano ha effettuato scrupolosi controlli nelle zone segnalate.

A oggi, come scritto inizialmente, i riscontri ufficiali non danno conferma alle segnalazioni sulla morte dei cani. "Le pattuglie della polizia locale non hanno ritrovato bocconi avvelenati e nessuna segnalazione o denuncia è ad oggi giunta ad Asl o all’Ordine dei veterinari - scrive Palazzo Marino -. Il garante per gli animali Valerio Pocar ha immediatamente informato le associazioni della Consulta per allertarle e invitarle a comunicarci ogni notizia in tal senso. Abbiamo subito invitato i cittadini che ci avevano segnalato i terribili episodi a sporgere denuncia alle autorità, perché avvelenare animali è un reato".

"E una denuncia aiuta tantissimo le autorità di pubblica sicurezza nelle indagini, per fare luce e colpire gli eventuali responsabili. Nessuno però ad oggi l'ha presentata - prosegue piazza Della Scala -. Anche il presidente di Enpa Milano conferma di non aver ricevuto segnalazioni. Tutto ciò nonostante vi siano precisi obblighi di legge che prevedono la comunicazione alla Asl in caso di decesso del proprio cane, quando iscritto all’anagrafe canina. A questo punto, avendo letto i post apparsi sui social network, abbiamo deciso di provare a contattare direttamente chi aveva segnalato il problema".

"La nostra attenzione - conclude il Comune - resta alta e non vogliamo lasciare nulla di intentato di fronte a questo grave allarme che riguarda i nostri amici animali. Vogliamo vederci chiaro. Così, per consentire di svolgere indagini approfondite, i post delle persone che qui hanno lanciato l’allarme sono stati trasmessi alla Polizia Locale. Da parte nostra rilanciamo l’appello: se avete riscontri fondati contattate subito un veterinario, la Asl o la Polizia locale. Loro sanno come procedere e le informazioni circostanziate in vostro possesso possono essere decisive. Se è pertanto necessario continuare nelle indagini, per tutelare al meglio l'incolumità dei nostri amici animali, è da respingere ogni tentativo di creare un allarmismo ingiustificato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento