Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca Porta Ticinese / Piazza XXIV Maggio

XXIV Maggio, nuova segnaletica e cartelli per negozi. Ma è polemica

Rozza (lavori pubblici) promette migliorie al cantiere per venire incontro alle richieste di commercianti e residenti. Fdi e Fi: "Non basta"

Lavori in Darsena (Foto Marco Biscuola, Fb)

Il comune ha studiato alcune "contro mosse" per i disagi del cantiere di piazza XXIV Maggio (Porta Ticinese), in corso in questo periodo per trasformare la piazza rendendola più fruibile dai pedoni. L'assessore ai lavori pubblici Carmela Rozza ha promesso un miglioramento della segnaletica, il posizionamento di cartelli e manifesti per indicare locali e negozi, la stampa di un pieghevole per i residenti in modo da completare l'informazione sulla nuova viabilità e anche alcuni interventi di ripavimentazione di strade e marciapiedi della zona.

Dai commercianti arriva un plauso: "La direzione è quella giusta", spiega Giorgio Rapari di Confcommercio, anche se "gli interventi non risolveranno i grandi problemi di fondo del cantiere". Il 2 aprile la Rozza è intervenuta nella sede del consiglio di zona 5 confrontandosi con molti commercianti del quartiere. La Confcommercio ha anche deciso di posizionare un "camper" informativo in viale Col di Lana per raccogliere tutte le criticità "in tempo reale".

Critiche, invece, da Riccardo De Corato: "Non una parola dalla Rozza - scrive l'esponente di Fratelli d'Italia - su Area C e i lavori a ritmo di lumaca". Secondo De Corato, la Rozza aveva promesso turni di lavoro di 20 ore per finire in fretta, ma di questo impegno non v'è traccia. I residenti avevano poi chiesto di spegnere le telecamere di Area C agli ingressi dei Bastioni tra via San Vittore e corso Italia, per poter garantire a tutti l'unica alternativa praticabile ai Bastioni, ovvero la Cerchia dei Navigli, ma questa proposta non è stata presa in considerazione dall'amministrazione.

"Da vent'anni la Darsena era in stato d'abbandono", risponde Elena Buscemi del Partito democratico: "Quanto agli operai, bisogna rispettare i protocolli antimafia e in questo momento non si può quindi averne un numero maggiore. Come al solito De Corato si perde in polemiche strumentali".

Interviene anche Alessandro De Chirico, del coordinamento cittadino di Forza Italia. "Le proteste dei cittadini del quartiere Ticinese - scrive in una nota l'azzurro, consigliere in zona 7 - si aggiungono alle rimostranze dei commercianti di viale Tunisia per l'imposizione della nuova ciclabile, alle lagnanze dei residenti di viale Abruzzi e delle vie limitrofe per la preferenziale che sta avendo ritardi di consegna paragonabili alla Salerno-Reggio Calabria, alle vibranti lamentele dei residenti del centro e di tutti i milanesi per la pedonalizzazione di piazza Castello, solo per citare alcuni episodi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

XXIV Maggio, nuova segnaletica e cartelli per negozi. Ma è polemica

MilanoToday è in caricamento