menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il capotreno è solo: nessuno sta scappando

Il capotreno è solo: nessuno sta scappando

Inventò di essere stato accoltellato: capotreno condannato a 18 mesi

L'uomo ha patteggiato davanti al gip di Lodi

Inventò di essere stato aggredito con una coltellata alla mano da un uomo di colore che non aveva il biglietto: un capotreno di 45 anni ha patteggiato 18 mesi di reclusione con pena sospesa presso il gip di Lodi. Rispondeva di calunnia e di interruzione di pubblico servizio.L'episodio risale al 19 luglio 2017, quando l'uomo prestava servizio su un treno Piacenza-Milano e, all'altezza di Santo Stefano Lodigiano, chiese aiuto mostrandosi con il coltello infilato nella mano.

La polizia lodigiana smascherò l'inganno, dimostrando che nessuna persona uscì dalla porta del treno presso cui si trovava il 45enne, grazie alle immagini della videosorveglianza della stazione di Santo Stefano. Trenord sospese il 45enne e poi, nel mese di gennaio del 2018, lo licenziò definitivamente. Ora l'uomo lavora come operaio. 

L'aggressione, sulle prime, fece ovviamente molto scalpore sia presso l'opinione pubblica sia presso i lavoratori dell'azienda, che scioperarono in massa pochi giorni dopo il fatto, in solidarietà con il collega e per chiedere maggiore sicurezza per chi viaggia. L'ormai ex capotreno spiegò poi di avere inventato l'aggressione perché era esasperato dai continui litigi "con gli immigrati senza biglietto". 

 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento