Cronaca

Alpino perde il cappello all'adunata e si dispera: l'appello della figlia per ritrovarlo

E' diventato virale l'appello della figlia dell'uomo

E' diventata virale la richiesta d'aiuto della figlia di un alpino che ha partecipato all'adunata nazionale a Milano, dove purtroppo ha perduto il suo cappello "d'ordinanza". L'uomo, Bruno Quintili, è originario di Montegranaro, un centro delle Marche in provincia di Fermo, e ha perso il cappello da alpino sabato 11 maggio nei pressi del Castello Sforzesco.

L'accessorio, ovviamente, ha per Bruno un valore sentimentale molto alto. Gli è stato consegnato cinquant'anni fa, all'inizio del servizio militare. Secondo il racconto di Bruno e della figlia Letizia, l'uomo intorno all'una di pomeriggio ha appeso zaino e cappello ai ganci di un bagno chimico in zona Castello; poi, andandosene, ha preso solo lo zaino. 

Dopo pochi minuti si è accorto di non avere il cappello; è tornato nella zona dei bagni chimici ma del copricapo nessuna traccia, era sparito. Ora l'uomo è disperato perché quel cappello rappresenta, per lui, una intera vita fatta di orgoglio alpino e adunate in tutta Italia. 

«Mio padre è tornato con il viso triste e con il magone in petto, perché davvero per lui è il ricordo tangibile della sua gioventù e della sua vita. Quando gli ho chiesto per lui cosa significasse quel cappello, mi ha risposto: “Letizia, per me quel cappello è tutto!"».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alpino perde il cappello all'adunata e si dispera: l'appello della figlia per ritrovarlo

MilanoToday è in caricamento