Cronaca Porta Ticinese / Via Giosuè Borsi

Aggredisce i carabinieri con un "tubo" e un sasso: fermato col taser

L'uomo, un 41enne, è stato poi arrestato. La follia in via Borsi

Per fermarlo c'è voluto il taser. Un uomo di 41 anni, cittadino marocchino, è stato arrestato mercoledì sera dai carabinieri a Milano con le accuse di resistenza, violenza e minacce a pubblico ufficiale dopo aver aggredito i carabinieri. 

La violenza è esplosa verso le 23.20 in via Borsi, ai Navigli, dove i militari erano intervenuti per la segnalazione di un'aggressione. Al loro arrivo, gli uomini del Radiomobile hanno trovato il 41enne con una chiave a tubo in mano che ha subito cercato di colpirli. Nonostante l'utilizzo dello spray urticante, l'aggressore si è nascosto dietro una macchina prima di tornare alla carica con un grosso sasso in mano. 

I carabinieri lo hanno quindi centrato con il taser, riuscendo poi a immobilizzarlo. L'uomo è stato ricoverato in osservazione psichiatrica al San Paolo, dove è piantonato in stato di arresto. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggredisce i carabinieri con un "tubo" e un sasso: fermato col taser
MilanoToday è in caricamento