Carceri, privati invitati a dar lavoro ai detenuti. Fontana: "Argomento dimenticato"

La firma di un protocollo tra ministero della giustizia, Regione Lombardia e Comune di Milano

Repertorio

Venticinque milioni di euro per reinserire i detenuti nella società. E' quanto ha speso Regione Lombardia dal 2005 al 2018, da quando cioè è in vigore una specifica legge regionale sulla materia. La cifra è stata resa nota da Attilio Fontana, presidente della Regione, a margine dell'incontro a San Vittore con il ministro della giustizia Alfonso Bonafede e il sindaco di Milano Beppe Sala.

Video: le parole di Bonafede

I tre, nell'occasione, hanno firmato un protocollo ("Programma 2121") che implementa ulteriori attività sul reinserimento sociale e lavorativo di chi è in carcere. All'incontro ha partecipato anche Silvia Piani, assessore regionale alle pari opportunità. 

La novità più importante del protocollo è che consente di coinvolgere i privati, facilitando la creazione di veri posti di lavoro che consentono ai detenuti di mettersi alla prova e calarsi in situazioni reali di vita. "La carcerazione, come modo per recuperare chi ha commesso un errore, deve essere rimessa al centro dell'attenzione del governo nazionale", ha affermato Fontana: "Gli interventi per il reinserimento dei detenuti sono stati un po' dimenticati".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

Torna su
MilanoToday è in caricamento