Cronaca Casoretto / Via Arquà

Via Arquà "invasa" dai rifiuti: presto i cartelli multilingue

L'idea del consiglio di zona, che però boccia l'installazione di telecamere

Rifiuti ingombranti in via Arquà (foto Sardone)

Perennemente nel degrado via Arquà, una perpendicolare di via Padova dove, tra l'altro, continua ad essere accatastato ogni genere di rifiuti in mezzo alla strada e sui marciapiedi. Finora non si è riusciti a risolvere il problema degli "scaricatori abusivi", che probabilmente non sono ignoti a chi di dovere ma non riescono ad essere fermati.

I residenti italiani della zona avevano chiesto cartelli multilingue con il divieto di scarico di rifiuti pesanti, mentre sono spuntati anche cartelli "fatti in proprio" da singoli cittadini inferociti ("Solo i porci possono buttare spazzatura in strada, basterebbe chiamare il numero verde dell'Amsa, grazie anche al fatto che non vengono organizzati seri controlli per identificare questi porci di m...", si leggeva). 

Il consiglio di zona 2 ha approvato una mozione che prevede proprio questo: l'installazione di cartelli in varie lingue, in modo da sensibilizzare anche gli stranieri che vivono in via Arquà e nei dintorni. La mozione è stata presentata da Silvia Sardone di Forza Italia, che però lamenta che è stata tolta dal testo la richiesta anche di telecamere. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Arquà "invasa" dai rifiuti: presto i cartelli multilingue

MilanoToday è in caricamento