rotate-mobile
Lunedì, 6 Dicembre 2021
Cronaca Calvairate / Viale Puglie

Cartellone osè davanti a scuola, le mamme vincono: foto tolta

Una pubblicità osé con una voluta impronta artistica - una modella lascia provocatoriamente intravedere le natiche dal vestito - ha scatenato il putiferio davanti a una scuola milanese. Ed è stata tolta

Una pubblicità osé peraltro con una voluta impronta artistica - una bella e accattivante modella con il fondoschiena esposto - ha creato polemiche a Milano. Un maxi-cartellone, con una foto scattata al Central Park di New York e firmata da Terry Richardson, considerato un grande del settore, è stato infatti affisso sulla fiancata di un palazzo che, però - ed è questa la nota dolente - confina con il cortile della scuola elementare di viale Puglie.

LA PROTESTA - La campagna riguarda la nuova collezione di abbigliamento donna Silvian Heach primavera-estate 2011. Foto in bianco e nero messe in diverse città. Ma nel capoluogo lombardo il luogo scelto ha creato la pronta reazione di mamme e maestre. E comunque nei giorni scorsi si era già levata qualche protesta per l'uso del corpo femminile proprio in un periodo in cui un milione di donne sono scese in piazza. Dall'istituto Renzo Pezzani, in zona Corvetto, la dirigente e la sua assistente non hanno voluto rilasciare dichiarazioni ma hanno comunque fatto sapere di "aver avvisato i vigili e le autorità competenti" per chiedere l' immediata rimozione del manifesto. Anche i genitori hanno protestato con il Comune "non per moralismo, ma per questioni di opportunità". La foto, dicono, potrebbe turbare gli scolari.

PROBABILMENTE LA CAMPAGNA NON VERRA' RITIRATA - Arav, la società proprietaria del marchio Silvian Heach, tramite l'avvocato Angelo D'Alessandro, risponde alle critiche spiegando che le immagini incriminate "hanno connotazioni artistiche". Il legale evidenzia che per l'azienda "la donna é stata sempre posta al centro dell'attenzione con il massimo rispetto per il suo decoro e la sua dignità". E proprio per questo, "sarebbe stato consigliabile non confondere la volgarità con espressioni artistiche ed essere più cauti nel dare apodittici giudizi morali, che rischiano - spiega l' avvocato - di apparire evidentemente ipocriti, laddove sganciati dalla realtà sociale del momento". Fonti interne all'azienda spiegano che per ora non si pensa di ritirare la campagna, anche perché durava soltanto due settimane ed è praticamente agli sgoccioli. Eppure, nel pomeriggio di venerdì 25 febbraio, la foto è stata tolta dall'area. Per buona pace delle mamme.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cartellone osè davanti a scuola, le mamme vincono: foto tolta

MilanoToday è in caricamento