Casapound pulisce i giardini di via Cirenei

Bottiglie, anche rotte, posate di plastica, cartacce, sacchetti e ogni altro genere di rifiuti. È quanto hanno raccolto i volontari de La foresta che avanza, il gruppo ambientalista di CasaPound Italia, che nel primo pomeriggio di oggi hanno effettuato una pulizia dei giardinetti di via Luigi Cirenei

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Bottiglie, anche rotte, posate di plastica, cartacce, sacchetti e ogni altro genere di rifiuti. È quanto hanno raccolto i volontari de La foresta che avanza, il gruppo ambientalista di CasaPound Italia, che nel primo pomeriggio di oggi hanno effettuato una pulizia dei giardinetti di via Luigi Cirenei.

"Diamo una risposta alla denuncia degli abitanti del quartiere, che - spiega Davide Granconato, responsabile milanese de La foresta che avanza - per mesi e mesi sono rimasti inascoltati da parte delle autorità competenti, Comune e Amsa. In un quartiere di periferia come questo - prosegue Granconato - le alternative al giardino sotto casa non sono molte, soprattutto per chi ha bambini piccoli. Così chi abita qui si è dovuto adattare a fare lo slalom tra i rifiuti pur di uscire un po' all'aria aperta".

"Vorremmo tanto sapere che fine ha fatto il solerte Pisapia che - prosegue il responsabile de La foresta che avanza - in campagna elettorale prometteva di ridare dignità alle periferie entro i primi cento giorni di governo e che, la scorsa primavera, pur di combattere il degrado era pronto a fare la guerra al gelato. Ma, certo - conclude Granconato - in quel caso si trattava di tutelare e accontentare gli abitanti delle zone più cool della città…".

Torna su
MilanoToday è in caricamento