menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Case popolari a San Siro

Case popolari a San Siro

Case popolari, la polizia contro Aler e comune

Un dossier riservato con le accuse di inefficienza alle istituzioni

Sfondano le porte, oppure i muri intorno. Occupano. E' un reato, ma spesso non si riesce a impedirlo. Case popolari, Milano: l'anno "terribile" 2014 è segnato da un'impennata di occupazioni abusive, spesso governate dal racket, che si insinuano nelle maglie della burocrazia e dell'inefficienza, nelle tante istituzioni coinvolte: le forze dell'ordine, il comune, l'Aler. Facile occupare, difficile sgomberare anche se il "giro di vite" sembra già iniziato.

La questura ha voluto vederci chiaro: perché non si riesce ad essere efficaci? Un dossier riservato - svelato in parte dal Corriere - cerca di dare una risposta. Nel documento si parla con chiarezza di carenze che hanno creato intralci durante le operazioni di controllo e di sgombero.

Cominciamo dalla flagranza: l'occupazione è appena avvenuta, i vicini chiamano la polizia. Arrivano gli agenti, ma non l'ispettore dell'Aler, se non dopo diverse ore, che solo giunto sul posto chiama a sua volta gli operai che devono compiere operazioni come la lastratura della porta d'ingresso. Intanto la volante aspetta. E nel frattempo si compiono altre occupazioni, da altre parti. Di notte, quando il numero di volanti è ridotto.

Ma le inefficienze dell'Aler si sommano - secondo la questura - a quelle del comune. In alcuni casi infatti (la maggior parte in realtà) ispettori Aler e forze di polizia non bastano. Se ci si trova di fronte a donne, magari incinte, con minori, è obbligatorio l'intervento dell'assistente sociale. Solo recentemente Palazzo Marino ha annunciato che prolungherà fino a mezzanotte l'orario d'intervento degli assistenti. Ma non basta. Gli assistenti sociali, quando intervengono, si limiterebbero a offrire sistemazioni alternative, ma non se l'occupante risiede ufficialmente fuori Milano (per motivi di bilancio comunale).

Conclusione: la questura - sempre secondo il racconto del Corriere - non ci sta a prendersi carico di un problema che - prima ancora che di ordine pubblico - è di inefficienza a livello gestionale e politico. Gli alloggi sfitti che rimangono vuoti anche per anni ne sono un chiaro sintomo. La polizia, in effetti, su questo non può farci nulla.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento