rotate-mobile
Cronaca Duomo / Via Larga

200 case popolari ristrutturate ma vuote: il Sicet contro il comune di Milano

Spinelli (Sicet-Cisl): "Perché il comune non trasmette a MM le pratiche di assegnazione?"

Duecento alloggi comunali immediatamente disponibili (ristrutturati) ma vuoti da mesi. Lo denuncia il sindacato inquilini Sicet-Cisl, secondo cui il motivo dello "stallo" risiede nel fatto che l'assessorato alla casa non invia a MM (gestore delle case popolari di proprietà del comune) le pratiche delle famiglie a cui fare l'assegnazione. Ma la stessa cosa accade per gli alloggi disponibili di proprietà e gestione Aler. 

"E' un insulto alle più di 500 famiglie con un'assegnazione sulla carta da mesi", tuona Leo Spinelli, segretario generale del Sicet. Da una parte si rischia che questi alloggi vengano occupati abusivamente, dall'altra di fatto si rinuncia a riscuotere un canone per mesi e mesi. Spinelli chiede un intervento diretto di Giuliano Pisapia, sindaco di Milano, per "restituire un minimo di decoro politico e amministrativo all'assessorato".

Non è l'unica critica agli uffici. Secondo il Sicet, infatti, da aprile 2015, "per la prima volta in trent'anni", il comune respinge - senza neppure esaminarle - tutte le domande di emergenza che vengono presentate. Una polemica già vista, questa: l'assessorato aveva risposto che, prima, occorreva da parte della regione aumentare la quota di assegnazioni in emergenza (fuori dalla graduatoria ufficiale).

Il Sicet minaccia un esposto alla corte dei conti se la questione degli alloggi pronti ma vuoti non dovesse risolversi a breve. "Se, come dichiarato recentemente da MM, gli alloggi ristrutturati sono oltre 500, più gli oltre 350 recuperati dalle occupazioni abusive e quelli disponibili per il turn-over, e le assegnazioni sono state circa 200, come sono stati utilizzati i rimanenti alloggi disponibili?", si chiede Spinelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

200 case popolari ristrutturate ma vuote: il Sicet contro il comune di Milano

MilanoToday è in caricamento