Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca Portello / Viale Renato Serra

Cavalcavia Serra: il "sogno" della High Line milanese nel piano della mobilità

L'idea è stata inserita nel piano votato dal consiglio comunale. E si parla di abbattere il cavalcavia del Corvetto

Il rendering di viale Renato Serra ciclopedonale (Urbanfile.org)

I due cavalcavia esistenti a Milano (Corvetto e Serra) potrebbero presto scomparire o trasformarsi rispetto a come li conosciamo. Nel Pums (Piano urbano mobilità sostenibile), approvato dal consiglio comunale giovedì 8 giugno, ci sono due "capitoli" che riguardano proprio loro: le arterie che siamo abituati a vedere piene di traffico veloce.

Secondo quanto si legge nel documento, uno dei due (Corvetto-Lucania) potrebbe essere abbattuto mentre l'altro (Serra-Monteceneri) si trasformerebbe in una "highline" pedonale, in stile New York.

I residenti di piazzale Corvetto e dintorni sono quasi tutti favorevoli ad abbattere il cavalcavia: troppo il traffico, troppo l'inquinamento (acustico ed atmosferico), e soprattutto eccessivo il degrado "generato" dal cavalcavia. Negli spazi sottostanti, per esempio, recentemente sono state installate reti antibivacco. Laura Molteni, la consigliera comunale della Lega Nord che ha avanzato la proposta di abbattimento con un emendamento al Pums (accolto dalla maggioranza, con soli 3 voti contrari da Forza Italia), ritiene che il traffico automobilistico potrebbe essere convogliato nel nuovo asse aperto da via Varsavia a via Toffetti, poco più ad est. 

E anche coloro che vivono in viale Serra e viale Monteceneri non sono certo contenti del loro cavalcavia, più o meno per gli stessi motivi (tranne i bivacchi che qui non ci sono). In questo caso, però, il Pums non prevede l'abbattimento ma la trasformazione in una High Line come quella di Manhattan. L'emendamento di Alessandro De Chirico (Forza Italia) prevede un'area ciclopedonale sul cavalcavia, ma anche la corsia preferenziale del filobus 90-91 "innalzandola" dalla strada a terra, dov'è ora, e liberando così una corsia in basso per le automobili, accorgimento che eviterebbe eccessive congestioni di traffico. Anche in questo caso, l'emendamento è stato accolto dalla maggioranza e approvato.

La High Line Serra-Monteceneri andrebbe di pari passo con la riqualificazione del vicino Scalo Farini. Soprattutto se anche questo diventasse (come molti chiedono) un grande polmone verde. La High Line di New York fu creata sulla sede di una ferrovia dismessa: i lavori non sono ancora terminati del tutto, ma gran parte del percorso è fruibile e frequentatissimo sia da newyorkesi sia dai turisti. E anche Parigi, ancora su una ex ferrovia, ha un percorso simile. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cavalcavia Serra: il "sogno" della High Line milanese nel piano della mobilità

MilanoToday è in caricamento