rotate-mobile
Truffa / Gallaratese / Via Francesco Cilea

Col micro auricolare all'esame della patente: finisce in ospedale per estrarlo

Il giovane si faceva dettare le risposte esatte. Per estrarre l'auricolare, i carabinieri hanno dovuto portarlo al pronto soccorso

Ha superato col massimo punteggio l'esame teorico a quiz per la patente di guida, ma gli esaminatori avevano notato qualcosa di strano vicino al suo orecchio e, così, hanno avvertito i carabinieri. Si è scoperto che il giovane aveva un auricolare dal quale ascoltava le risposte corrette.

E' finito con una denuncia l'intervento dei militari del nucleo radiomobile presso la Motorizzazione civile di via Cilea, zona Molino Dorino, nel pomeriggio di lunedì 6 dicembre. Protagonista un ventiquattrenne incensurato di origini nigeriane. Gli esaminatori avevano notato un piccolo auricolare che il giovane teneva all'orecchio, quasi invisibile.

Cellulare nelle mutande, auricolare all'orecchio

I carabinieri lo hanno perquisito trovando un telefono cellulare nascosto negli indumenti intimi e un apparecchio ricetrasmittente in una tasca interna della maglia. All'orecchio destro, invece, l'auricolare wireless, posizionato così in profondità che, per estrarlo, è stato necessario l'intervento dei sanitari al pronto soccorso dell'ospedale Sacco.

Il ventiquattrenne ha poi riferito di avere ricevuto l'apparecchiatura da alcuni albanesi di cui non conosceva l'esatta identità, e con cui aveva pattuito il pagamento di 1.800 euro per il 'servizio'. All'altro capo della linea c'erano proprio loro: lui aveva sussurrato le domande e quelli gli avevano comunicato le risposte esatte. Ma il sistema non era così perfetto e il giovane è stato scoperto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Col micro auricolare all'esame della patente: finisce in ospedale per estrarlo

MilanoToday è in caricamento