Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Il giudice riammette la bimba espulsa dall'asilo per colpa della chat dei genitori

Il caso: un'ironia della madre sulla chat di Whatsapp, sgradita alla direttrice, aveva provocato "l'espulsione" della piccola

Repertorio

Avrà pensato "ho trovato un giudice a Berlino", rievocando la vicenda del mugnaio di Potsdam, la madre milanese che si è vista espellere dalla scuola materna la propria figlia di 4 anni a causa di una ironia all'indirizzo della direttrice didattica circolata sulla chat Whatsapp dei genitori e però "uscita" dalla chat e arrivata direttamente all'indirizzo dell'interessata. 

Il tribunale ha infatti accolto il ricorso dei genitori della piccola (e del fratellino minore, che non è ancora iscritto alla materna ma che era stato escluso dalla lista delle preiscrizioni) e, come riferisce Andreis sul Corriere, ha ordinato il reintegro. Nel frattempo sta per concludersi l'ispezione dell'ufficio scolastico regionale. 

La bambina, in realtà, è stata nel frattempo iscritta ad un altro asilo per evitare che subisse ulteriormente le conseguenze di una diatriba giudiziaria e, magari, nel caso favorevole del reintegro, ritorsioni al suo ritorno nella scuola (che è una paritaria del centro di Milano), ma evidentemente si tratta anche di una questione di principio. 

L'avvocato della scuola aveva parlato di comportamenti gravemente diffamatori nella "chat istituzionale dei genitori", che non potevano che comportare la rescissione del contratto tra la scuola stessa e la famiglia, mentre il tribunale ha accolto la valutazione del comportamento "sproporzionato e ritorsivo" ai danni della bambina, che certamente non può essere considerata colpevole di alcunché, a prescindere da come si valuta il contenuto della chat.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il giudice riammette la bimba espulsa dall'asilo per colpa della chat dei genitori

MilanoToday è in caricamento