Chiara Ferragni mette all’asta un caffè con lei a Milano: fan spende 5700 euro per incontrarla

La fashion blogger più famosa d'Italia incontrerà il fan che si è aggiudicato l'asta a Milano

Un fan, evidentemente sfegatato, ha speso 5.700 euro per poter bere un caffè insieme a Chiara Ferragni. 

La fashion blogger più famosa d’Italia, infatti, aveva messo all’asta qualche ora con lei durante la Fashion Week di Milano sul sito Charitystars, che da anni ormai si occupa del connubbio tra vip e aste per beneficenza. 

I soldi raccolti dalla fidanzata del rapper Fedez andranno all’associazione “White Matilda”, che si batte contro la violenza sulle donne. 

Ad aggiudicarsi il caffè, dopo 103 offerte, è stato l’utente “Poulsenjr” con l’offerta sbalorditiva di 5700 euro. 

“L’incontro - spiega proprio Charitystars - avverrà a Milano durante la settimana della moda tra il 22 e il 28 Febbraio”. Teatro dell'appuntamento sarà Palazzo Parigi, hotel a 5 stelle nel centro della città. 

Non è la prima volta che personaggi famosi milanesi mettono a disposizione il proprio tempo, oppure cimeli legati alla loro carriera, per raccogliere soldi per sodalizi senza scopo di lucro che proteggono e aiutano bambini, donne in condizioni disagiate e famiglie in difficoltà. In passato, era successo diverse volte a campioni di Milan e Inter. 

La medesima iniziativa è aperta per un incontro con Fedez e J-Ax, con la possibilità di un pass per i loro concerti milanesi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Coronavirus, tre donne cinesi con la febbre visitate al Sacco. Salta il Capodanno cinese

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

  • Omicidio stradale, Michele Bravi chiede 1 anno e mezzo di reclusione come patteggiamento (pena sospesa)

Torna su
MilanoToday è in caricamento