Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Porta Lodovica / Via Quadronno

Chiude il reparto nascite della Madonnina

Meno di cento parti all'anno: da settembre il reparto nascite più prestigioso di Milano non ci sarà più

La clinica (foto ordinearchitetti)

Da settembre 2016 non si potrà più partorire alla mitica Madonnina, la casa di cura privata in zona Crocetta scelta da moltissimi vip per far nascere i propri figli. Motivo, le nascite sono ormai troppo poche, meno di cento all'anno, e il reparto di ostetricia costa troppo. Lo segnala il Corriere.

Dal 2000 la Madonnina è nell'orbita del Gruppo Ospedaliero San Donato di Giuseppe Rotelli, dopo i guai di Antonino Ligresti (fratello di Salvatore e storico proprietario della clinica dagli anni '70) per via dell'incidente in una camera iperbarica dell'ospedale Galeazzi. Si tratta di una struttura esclusiva e anche molto costosa, in cui lavorano più di 180 persone tra medici, infermieri, ausiliari e dipendenti. La concorrenza sempre più serrata degli istituti ospedalieri, sia pubblici sia accreditati, e la crisi economica che porta a risparmiare, hanno fatto scendere le nascite fino alla diseconomicità della gestione.

Quattordici persone sarebbero dunque in procinto di essere poste in mobilità. E si chiude una storia che, dal 1958, ha visto passare in ostetricia moltissimi vip, da Michelle Hunziker a Ronaldo, da Simona Ventua a Martina Colombari, senza dimenticare la "Milano bene" e le famiglie dell'alta borghesia cittadina: Trussardi, Mondadori e tanti altri.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiude il reparto nascite della Madonnina

MilanoToday è in caricamento