menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il bar chiuso dalla polizia

Il bar chiuso dalla polizia

Pugni, testate e bottigliate contro gli agenti: chiuso il bar della rivolta anti polizia in centro

Sigilli per 15 giorni al "Bar Merilù", teatro domenica notte di una rappresaglia "anti polizia"


Sigilli al bar della rappresaglia. Il Questore di Milano, Marcello Cardona, ha infatti disposto con un decreto d'urgenza la sospensione della licenza al "Bar Merilù", il locale di via Gherardini - a due passi dall'Arco della Pace - teatro domenica notte di una vera e propria rivolta contro la polizia. 

Fuori dal locale, che resterà chiuso per quindici giorni, alcuni poliziotti erano stati minacciati e aggrediti durante un normalissimo controllo anti droga. 

Pugni, testate e bottigliate

Un equipaggio della volante del Commissariato Sempione, insospettito dall’atteggiamento di due persone ferme fuori dal bar, aveva deciso di fermarle e controllarle. Uno dei due era riuscito a fuggire approfittando della calca della movida, mentre l'altro era stato fermato mentre cercava di buttare un sacchetto con qualche grammo di marijuana all'interno. 

Il giovane - stando alla ricostruzione della stessa polizia - aveva immediatamente dato in escandescenza e aveva richiamato l'attenzione di alcuni amici facendo credere che gli agenti lo stessero trattenendo ingiustamente. In quel momento la situazione era precipitata: il gruppo si era scagliato contro la Volante per "liberare" il compagno e un ragazzo aveva colpito con una testata al volto due poliziotti. A fare da contorto a tutto un lancio di bottiglie di vetro e oggetti contro la polizia e contro alcune automobili in sosta. 

Dopo lunghissimi minuti di caos e tensione, gli agenti avevano riportato la calma e avevano fatto scattare le manette per due 19enni, un 20enne e un 23enne - tutti residenti nel quartiere di Quarto Oggiaro - accusati di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale e, solo uno dei 19enni, di spaccio. 

L'altra rivolta lo scorso anno 

Scene praticamente identiche si erano verificate a novembre del 2017, quando la polizia era intervenuta per sedare una rissa fuori dal locale ed era finita nel mirino di quattro persone

Il bilancio finale era stato pesante: due agenti feriti - un uomo e una donna -, quattro persone arrestate per resistenza e lesioni e altre due - oltre i quattro - indagati per rissa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

Coronavirus

Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento