Milano, maxi controlli dei carabinieri: scoperto ristorante dove cucinavano cibo scaduto

Trovati due bar con pessime condizioni igieniche: i controlli tra San Donato e San Giuliano

Repertorio

Cibo scaduto utilizzato per cucinare senza problemi. Oltre 25 chili di alimenti ormai pericolosi per la salute sono stati sequestrati e distrutti dai carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese, che d'intesa con la polizia locale del comune di San Giuliano Milanese, hanno eseguito dei controlli straordinari del territorio finalizzati soprattutto al contrasto di condotte illecite riconducibili alla verifica del rispetto delle norme per prevenire il diffondersi del covid 19 durante le ore della movida.

Cibo scaduto al ristorante e bar spochi

Nella serata del 23 ottobre militari e ghisa hanno controllato alcuni esercizi pubblici. Al termine delle verifiche una 67enne, titolare di una trattoria nel centro di San Giuliano è stata denunciata in stato di libertà poiché preparava le proprie pietanze con alimenti scaduti ed in cattivo stato di conservazione. Nel suo ristorante sono stati infatti trovati 25 chilogrammi di alimenti mal conservati che sono stati distrutti.

Oltre al ristorante, i controlli hanno fatto emergere l'esistenza di due bar con pessime condizioni igienico sanitarie. Si trovavano nelle zone centrali di San Giuliano. I titolari sono stati sanzionati con due multe diverse: una da 1.600 euro e un'altra da 300 euro.

I controlli delle regole del 'coprifuoco'

I militari nel corso del servizio hanno controllato che le persone sottoposto a misure cautelari o detentive degli arresti domiciliare e della detenzione domiciliare rispettassero le prescrizioni imposte. Un 37enne di origine peruviane, ma da tempo residente a San Giuliano Milanese, sottoposto agli arresti domiciliari, non è stato rintracciato presso la sua abitazione ed è stato denunciato per il reato di evasione.

L’attività di controllo si è poi rivolta alle zone di movida con vari posti di controllo su tutta la città di San Giuliano Milanese, i carabinieri hanno controllato circa 21 veicoli e 64 persone.

Quattro ragazzi multati perché non avevano la mascherina

Un 57enne, residente a Mediglia, è stato denunciato in stato di libertà poiché controllato mentre era alla guida della sua macchina in stato di ebbrezza alcolica. L'uomo prima di recarsi a casa dopo il lavoro, si era fermato in un bar ed aveva consumato diversi aperitivi.

Quattro giovani sono invece stati sanzionati poiché passeggiavano senza indossare i previsti dispositivi di protezioni individuale, non avevano infatti con se la mascherina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento