menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un "pizzino" sequestrato

Un "pizzino" sequestrato

Arresti per mafia, figlia e genera di Mangano "raccolsero eredità criminale"

La Dda di Milano sostiene che figlia e genero abbiano continuato l'attività mafiosa di Vittorio Mangano dopo la sua morte nel 2000, mentre l'uomo era agli arresti domiciliari

Secondo le accuse, la figlia e il genero di Vittorio Mangano arrestati martedì mattina dalla squadra mobile di Milano avrebbero "raccolto la sua eredità criminale". Mangano era infatti considerato un esponente di Cosa Nostra e aveva lavorato nella villa di Arcore di Silvio Berlusconi (glielo aveva presentato Marcello Dell'Utri). Secondo la Digos di Milano (1984), Mangano restò ad Arcore due anni, durante i quali Silvio Berlusconi gli aveva sostanzialmente affidato la sicurezza della villa e dei suoi figli, che l'uomo accompagnava personalmente a scuola.

Lasciata Arcore sul finire degli anni '70, Mangano continuò a gravitare su Milano. Nel 1980 fu arrestato per traffico di droga per conto della mafia. Morì nel 2000 agli arresti domiciliari.

Nell'inchiesta spuntano anche i rapporti tra uno degli arrestati e un ex consulente per il ministero per l'attuazione del programma di governo, Gianni Lastella, nel 2011 candidato non eletto per il Pdl al consiglio comunale di Milano.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento