menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ottimi risultati per il politecnico

Ottimi risultati per il politecnico

Gli atenei di Milano tra i migliori al mondo: in classifica entra anche la Bicocca

Politecnico e Bocconi tra le prime trenta università nelle loro aree

Buone performances degli atenei italiani e milanesi secondo il Qs World University Rankings, giunto alla decima edizione, che classifica le migliori ottocento università del mondo su un'analisi che ne comprende tremila. Ai primi posti il Mit di Boston, Harvard e Cambridge.

Il Politecnico di Milano è 28simo nell'area ingegneria e tecnologia: rispetto al 2012 ha guadagnato venti posizioni. E' attualmente la prima università italiana a entrare nella top 30 delle migliori università tecnologiche del mondo. Nella classifica generale si colloca al 230simo posto, guadagnando 14 posizioni rispetto al 2012 e 129 posizioni negli ultimi nove anni. "Significa - ha commentato il rettore Giovanni Azzone - che sono stati riconosciuti gli sforzi compiuti nella didattica, nella ricerca e nell'internazionalizzazione, ma anche negli accordi con aziende e università".

Nell'area di scienze sociali e management, la Bocconi è 29sima al mondo guadagnando 17 posizioni in un anno. In classifica generale, il primo ateneo italiano è l'università di Bologna (188simo posto), poi La Sapienza (196simo posto) e il Politecnico di Milano (230simo posto). Quarta la statale di Milano (235simo posto). E gli atenei italiani sono in tutto 26: tra le "new entry" anche la Bicocca.

Ed è soddisfatto Marcello Fontanesi, rettore dell'ateneo della Bicocca, per l'ingresso in classifica tra le top 500: "Anche se le classifiche vanno sempre valutate attentamente, senza enfatizzarle eccessivamente – commenta –, il trend di risultati positivi della nostra università dimostra che lavorare con impegno sulla qualità di ricerca, didattica e infrastrutture fa emergere il valore di persone e progetti. Credo che sia una bella soddisfazione per tutti coloro che lavorano nella nostra università, per gli studenti che ci scelgono e per i partner pubblici e privati coi quali collaboriamo in Italia e all’estero".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento