rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Cleptomane rubava carte di credito, condannata a 18 mesi

Il 12 maggio scorso è stata fermata da alcuni agenti con tre documenti falsi e dopo aver tentato di acquistare una penna con una carta di credito rubata. La donna è stata condannata senza condizionale ad 1 anno e 6 mesi, ma è stata dichiarata affetta da cleptomania

E' stata fermata dagli agenti con in tasca tre carte di identità false e con una carta di credito rubata dopo che, il 12 maggio scorso, aveva appena provato ad acquistare un penna da circa 3mila euro in un negozio di Corso Vercelli.

Ieri il Tribunale l’ha condannata ad un anno e sei mesi di reclusione, senza sospensione condizionale della pena ma dopo averla dichiarata parzialmente incapace: una perizia infatti ha dimostrato che la donna soffre di cleptomania, un disturbo per cui si ha un irrefrenabile desiderio di rubare.

La donna, una sudamericana benestante sposata con un italiano, era già stata condannata per direttissima lo scorso febbraio per aver rubato delle carte di credito.

Il 12 maggio scorso la donna, accusata di ricettazione, violazione della legge sulle carte di credito e furto, aveva tentato di comprare una penna di valore in un negozio di corso Vercelli pagando con una carta rubata.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cleptomane rubava carte di credito, condannata a 18 mesi

MilanoToday è in caricamento