Cronaca Duomo / Piazza San Babila

Coda per gli occhiali di Facebook (da 329 euro) al negozio Ray Ban di Milano

I Ray Ban Stories hanno un prezzo che parte da 329 euro fino a 409 euro

Per gli occhiali lanciati da Facebook e Ray Ban, i Ray Ban Stories, il successo sembra assicurato. Almeno a giudicare dalla numerosa affluenza di clienti nel negozio dedicato in piazza San Babila a Milano. Stando a quanto riferito da alcuni di loro, sabato all'esterno dello store si è creata addirittura la coda di persone interessate ad acquistare gli occhiali con la telecamera.

Quanto costano i Ray Ban Stories?

Gli smart glasses lanciati da Facebook e Ray Ban sono in grado di coniugare stile e vestibilità, per aiutare le persone a rimanere in contatto con amici, familiari e tutto ciò che li circonda. Rappresentano una concezione completamente nuova della fotografia, della condivisione e dell’ascolto. Costano da 329 euro per le iconiche montature Wayfarer, anche con lenti polarizzate (da 359 euro), fotocromatiche (409 euro) e da vista (prezzi variabili). Vediamo di seguito le caratteristiche principali del prodotto.

I Ray Ban Stories: caratteristiche

Le caratteristiche tecniche dei Ray Ban Stories sono la Instant Camera Capture: foto e video istantanei (fino a 30 secondi) permettono di catturare attimi di quotidianità grazie alla doppia fotocamera integrata da 5MP posta sulla parte anteriore della montatura. Il led si illumina quando la fotocamera è accesa e si sta fotografando o registrando un video. 

Hanno l'audio incorporato: bluetooth integrato e un sistema audio a 3 microfoni permettono di ascoltare video e brani preferiti da qualsiasi app su telefono e fare chiamate. È possibile scattare video e foto senza dover usare le mani. Basta dire "Hey Facebook, scatta una foto" e Ray-Ban Stories farà il resto.

C'è poi l'App Facebook View che permette di modificare e migliorare i ricordi quotidiani catturati su Ray-Ban Stories utilizzando l'app integrativa Facebook View (iOS e Android).

Per impostazione predefinita, i Ray Ban Stories raccolgono solo i dati necessari al funzionamento quali, ad esempio, lo stato della batteria per avvisare quando è scarica, l’indirizzo e-mail e la password per l’accesso a Facebook, così da verificare l’identità dell’utente nel momento in cui accede all’app Facebook View, e la connettività Wi-Fi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Coda per gli occhiali di Facebook (da 329 euro) al negozio Ray Ban di Milano

MilanoToday è in caricamento