Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca Mecenate / Via Mecenate

Si “incollano” le dita per rapinare una banca: due ladri traditi dalle parrucche e arrestati

I due rapinatori speravano di non lasciare tracce con le dita ricoperte di colla. Ma la polizia era già sulle loro tracce, insospettita dalle parrucche trovate nella loro macchina

I due rapinatori in azione - Foto © Mt

Erano certi che il loro trucco ingegnoso avrebbe funzionato. E, probabilmente, sarebbe stato anche così. Sarebbe, appunto. Perché la polizia per fermarli non ha avuto bisogno delle loro impronte digitali, dato che gli agenti li pedinavano da giorni, in attesa soltanto che entrassero in azione. 

I poliziotti della questura di Milano hanno arrestato due uomini, un ventisettenne e un trentacinquenne, responsabili di una rapina ad una banca di Rivanazzano, in provincia di Pavia. I due rapinatori, che si erano cosparsi le mani con uno strato di colla per non lasciare segni del loro passaggio, sono stati bloccati pochi minuti dopo aver rubato cinquantamila euro da una banca, a volto scoperto e senza armi. 

Gli agenti, infatti, li stavano tenendo d’occhio da quando - durante un controllo in zona Mecenate, nell’operazione che portato alla luce il “bosco della droga” - nell’auto dei due erano state trovate due parrucche. 

Così, i poliziotti di Milano li hanno seguiti e tenuti d’occhio per qualche giorno, fino a quando non hanno fatto il passo falso. E delle impronte, naturalmente, non c’è stato bisogno. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Si “incollano” le dita per rapinare una banca: due ladri traditi dalle parrucche e arrestati

MilanoToday è in caricamento