Ubriaco alla guida: "Ho usato colluttorio". Ma il giudice non gli crede

Un giovane è fermato con un tasso di 1,5 g/l (il limite è 0,5) e adduce come scusa quella di "essersi sciacquato i denti" con il colluttorio. Ma il giudice non gli crede. Decisione diversa, però, qualche tempo fa

"Signor giudice, quella sera avevo usato un colluttorio all'alcol". La scusa, utilizzata da un giovane di 24 anni fermato ubriaco alla guida mentre rientrava da una festa di paese, non ha retto davanti al giudice, che lo ha condannato nonostante il legale del ragazzo avesse presentato nel processo anche un certificato medico del dentista.

"La dichiarazione resa dall'imputato in sede di giudizio non appare francamente credibile", scrive il gup di Milano, Enrico Manzi, nelle motivazioni della sentenza con cui ha condannato il giovane, con rito abbreviato, a 11 mila euro di ammenda, sospendendogli la patente per due anni. "Appare davvero insolito - spiega il gup - che dopo aver partecipato alla festa del paese" il ragazzo "abbia effettuato gli sciacqui prescritti" dal suo medico "in un bar, utilizzando il colluttorio che si era portato da casa". E per il giudice éanche "improbabile" che il giovane "portasse con sé (in modo un po' goffo per un ragazzo della sua età) il colluttorio che gli era stato prescritto". Il giovane era stato fermato ad Inzago (Milano) il 12 ottobre del 2009 con un tasso di alcol nel sangue di 1,5 (il limite è 0,5).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Lui stesso aveva ammesso di aver bevuto vino alla festa paesana, ma aveva anche aggiunto che" in previsione di un intervento chirurgico" gli "era stato prescritto di procedere a sciacqui orali con colluttorio contenente alcol". Tuttavia, secondo il gup, "la dichiarazione del medico" non "é idonea" come prova. Inoltre, dopo essersi documentato su internet, il giudice fa notare che "la listerina, pur se contiene alcol in quantità minima, avrebbe lasciato tale sostanza nella bocca dell'imputato per pochissimi secondi". Qualche mese fa, in Tribunale a Milano, era stata presa una decisione diversa: assolto un rugbista, astemio, che aveva bevuto sciroppo e si era sciacquato i denti con un po' di colluttorio alcolico.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, il locale che regala chupiti alle donne che mostrano il seno: esplode la polemica

  • La provocazione di Cracco in Galleria (Milano): ai suoi clienti solo mezza pizza

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Milano: folle fuga dei rapinatori contromano, i poliziotti li prendono a schiaffi e calci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento