menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa per 'centenario del fascismo' e concerto di CasaPound a Milano, Sala: "È oltraggioso"

L'evento è previsto per il 23 marzo. Memoria Antifascista: "Città invasa da fascisti e nazisti"

Ha richiamato i valori della città che guida. E ha chiesto che le autorità intervengano. Beppe Sala si schiera apertamente contro l'evento organizzato da CasaPound a Milano, per il prossimo 23 marzo. 

Quel giorno - non è ancora chiaro dove, ma il teatro scelto dovrebbe essere un capannone in via Toffetti - il partito di Gianluca Iannone ha ideato un appuntamento per festeggiare i venti anni di attività degli "ZetaZeroAlfa", la band musicale di cui lo stesso Iannone è frontman. 

Milano Antifascista, però, ha un'idea leggermente diversa del "senso" della serata. "La data non è casuale: il 23 marzo del 1919 a Milano si costituirono i Fasci di Combattimento, protagonisti per vent’anni delle violenze del partito fascista contro cittadini, lavoratori, antifascisti e chiunque si interponesse sulla loro strada", hanno denunciato dall'associazione. "Più che festeggiare il ventennio, Casapound vuole celebrare un centenario. Milano probabilmente sarà invasa da fascisti italiani e neonazisti europei. Per l’evento sono previsti circa 2.000 partecipanti che saranno liberi di girare per la città". 

Un evento che Sala vorrebbe fosse evitato. "La manifestazione che Casapound sta organizzando a Milano è oltremodo oltraggiosa - il commento del primo cittadino -. Auspico che il Prefetto e il Questore la vietino. Non accetteremo mai alcun tipo di raduno, corteo o iniziativa che inneggi e celebri il fascismo nella nostra città. Milano - ha concluso il sindaco - è e resterà sempre una città profondamente antifascista".

L'organizzazione, però, ormai sembra completata. I pullman da Roma sono già organizzati, le auto e i furgoni dal resto d'Europa anche, probabilmente. La location, ad ora, è ancora segreta ma con ogni probabilità lo show si terrà nei capannoni di via Toffetti.

Quegli stessi capannoni che a novembre 2015 avevano ospitato un altro raduno simile - quella volta da festeggiare c'era il "Ventennio" degli Hammerskin in Italia - e che nel 2013 era stato teatro di un secondo incontro, che l'allora sindaco Pisapia definì "indegno"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento