rotate-mobile
La denuncia / Rozzano

Il concerto di Paky con centinaia di persone a Rozzano

Secondo l'assessore regionale alla sicurezza, Riccardo De Corato, si è trattato di un concerto abusivo ma il comune replica: "Tutto in regola"

Un concerto con tanto di fuochi d'artificio, musica a tutto volume, luci, maxi schermi e centinaia di fan. È successo a Rozzano nella serata di giovedì dove è salito sul palco il rapper Paky. E l'esibizione ha innescato una scia di polemiche tanto che l'assessore regionale alla sicurezza, Riccardo De Corato (Fdi) l'ha bollato come abusivo ma di abusivo non c'era assolutamente nulla

"Il concerto abusivo del rapper conosciuto col nome di Paky -  ha detto attraverso una nota De Corato - era annunciato su tutti i social da un video messaggio dello stesso cantante che testualmente ha detto chiaramente: 'Giovedì voglio fare un concerto abusivo. Il giorno che esce il disco. A Rozzano sopra ai palazzoni. Ma abusivo abusivo, che ci arrestano. Voglio suonare tutto il disco in anteprima alle 9 di sera. E poi a mezzanotte esce'.  Nonostante questo annuncio, che non lasciava spazio a dubbi le forze dell’ordine non sono state mandate ad impedirne lo svolgimento". 

"Ormai i rapper - ha proseguito De Corato - si comportano da padroni ovunque, arrivando ad occupare abusivamente un’intera piazza, istallando un enorme palco infischiandosene dei regolamenti.Questi concerti abusivi, come i rave party sono diventati un fenomeno tristemente molto diffuso: basta ricordare che in meno di un mese e mezzo si sono svolti il concerto di musica tecno al parco Lambro e il rave party organizzato dai no global legati al mondo dei collettivi che hanno occupato l’ex fabbrica dismessa Bomisa di Assago. Non è ammissibile occupare spazi privati o pubblici violando la legge e facendo i propri comodi. In tutte queste tipologie di concerti si abusa di alcolici e sostanze stupefacenti, uno scempio che ha per prime vittime gli stessi ragazzi che vi prendono parte! Cosa aspetta il ministro Lamorgese a intervenire?"

La replica del comune: "Tutto in regola"

Sul caso è intervenuto il municipio guidato da Gianni Ferretti (Forza Italia) che, attraverso una nota, ha precisato che l'evento aveva tutti i permessi in regola: "L'area era presidiata dalle forze dell'ordine coordinate dalla Questura con il supporto dei carabinieri e della polizia locale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il concerto di Paky con centinaia di persone a Rozzano

MilanoToday è in caricamento