menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La scena del delitto (Gemme/MT)

La scena del delitto (Gemme/MT)

Condannato per omicidio: sentenza letta senza l'avvocato, annullata

L'avvocato non era presente in aula: la corte d'appello ha annullato la sentenza

E' stata annullata una sentenza a 18 anni per concorso in omicidio: quando è stata letta, infatti, in aula non era presente il suo avvocato. Per questa ragione, meramente procedurale, la corte d'appello ha annullato la condanna.

Il caso è quello dell'omicidio di Franco Cangini, l'imprenditore ucciso nel 2013 nel capannone di sua proprietà a Settimo Milanese. La sentenza, secondo la corte d'appello, è stata letta alle 9.17 nonostante l'orario previsto fosse le 9.30, quindi non tutti i legali erano presenti. Confermate, invece, le altre condanne.

Il 19 novembre 2013, con la scusa di acquistare materiali ferrosi, un'auto entrò nel capannone di Seguro (frazione di Settimo), ma poi improvvisamente un uomo uscì dal bagagliaio e minacciò l'imprenditore e il figlio puntando un'arma. Secondo quanto emerso, l'intenzione dei malviventi era quella di compiere una rapina, ma la reazione delle vittime finì col provocare la morte di Cangini, raggiunto da due colpi di arma da fuoco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento