rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca Buccinasco / Via Milano

Tangenti: condanna ridotta per l'ex sindaco di Buccinasco

Secondo l'accusa si fece anche prestare Bentley e Ferrari. Assolto da due accuse su tre, rimane la corruzione

Ridotta in appello la condanna all'ex sindaco di Buccinasco Loris Cereda, che era stato arrestato a marzo 2011 per tangenti legate agli appalti della nettezza urbana e per il cambio di destinazione d'uso di alcune aree. L'esponente politico di centro destra era stato condannato in primo grado a quattro anni e tre mesi. Ora l'appello ha portato la condanna a tre anni e sei mesi di reclusione. Assolti invece tre co-imputati che, in primo grado, erano stati condannati: si tratta dell'ex tecnico comunale Giovanni Carminati, dell'ex segretario comunale Giovanni Sagaria e dell'ex consigliere comunale Antonio Trimboli.

Per Cereda è stata ridotta anche la provvisionale del risarcimento da versare al comune, da 45 mila a 20 mila euro.

Due le accuse all'ex sindaco: nel 2010 avrebbe ricevuto una tangente di 7 mila euro in cambio della convenzione tra il comune e la Sodibelco per un'area verde, che sarebbe stata convertita in parcheggio. Più elevata (25 mila euro) la tangente che Cereda avrebbe ricevuto per rinnovare il contratto alla Aimeri Ambiente per i servizi di igiene urbana, e per di più gli sarebbero state mese a disposizione due Ferrari ed una Bentley.

La riduzione di condanna e provvisionale è dovuta al fatto che la corte d'appello ha confermato l'accusa di corruzione ma ha assolto Cereda da turbativa d'asta e falso in atto pubblico perché il fatto non sussiste.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tangenti: condanna ridotta per l'ex sindaco di Buccinasco

MilanoToday è in caricamento