Scontri in centro, lancia un lacrimogeno 'vuoto' contro i carabinieri: 100 euro di 'multa'

Il pm aveva chiesto una condanna per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

La manifestazione del 24 febbraio 2018

Prosciolto dall'accusa di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, ma "condannato" a pagare — oltre alle spese processuali — un'ammenda di 100 euro per lancio di oggetti pericolosi. È la sentenza di primo grado emessa nella giornata di mercoledì 15 maggio nei confronti dell'antagonista di 44 anni che il 24 febbraio 2018 lanciò bossoli di lacrimogeni verso i carabinieri del terzo reggimento Lombardia durante alcuni tafferugli in Largo La Foppa.

l pm aveva chiesto una condanna per il reato di resistenza e violenza a pubblico, ma i giudici hanno deciso di derubricare l'accusa. L'antagonista — difeso dall'avvocato Mirko Mazzali — oltre all'ammenda dovrà pagare le spese processuali. 

Il corteo e i tafferugli con le forze dell'ordine

Il fatto era accaduto sabato 24 febbraio quando alcune centinaia di antagonisti, 1.500 secondo i numeri che aveva reso noto la questura, avevano dato vita a un presidio contro il "sabato nero" di Milano.  Attorno alle 15.30 si erano verificati i primi scontri tra manifestanti e le forze dell'ordine, presente in gran numero alla protesta. Poliziotti e militari, in assetto antisommossa, avevano impedito l'inizio del corteo diretto verso il centro città. A quel punto erano cominciati i lanci di oggetti contro il cordone da una parte e le cariche di allegerimento contro gli antagonisti dall'altra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

e cariche contro i presenti erano state accompagnate dal lancio di lacrimogeni e dall'uso dei manganelli (video). Diverse persone erano rimaste contuse in testa al corteo. Dopo diverse decine di minuti praticamente fermi, attorno alle 17.30 il corteo si era mosso in direzione piazza della Repubblica, sempre 'marcato stretto' da Digos e agenti in antisommossa. E poco dopo si era sciolto senza ulteriori conseguenze.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento