Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Contestazioni e proteste fuori dal Pirellone per il vertice politico Salvini-Di Maio

Nel pomeriggio di sabato

La contestazione dei centri sociali (Foto Facebook/Centro sociale Cantiere)

"Reddito per tutti. Razzismo per nessuno". Questo lo slogan che sabato pomeriggio campeggiava su alcuni striscioni esposti da alcuni esponenti dei centri sociali e manifestanti che, sotto il Pirellone, hanno contestato Matteo Salvini e Luigi Di Maio, a Milano per un incontro destinato alla stesura del "Contratto di governo".

I manifestanti, qualche decina in tutto, hanno esposto alcuni striscioni e cartelli raffiguranti le sagome di Salvini, Di Maio, Berlusconi e Renzi e, tra i cori, è stato esploso qualche fumogeno. A tenere i partecipanti al blitz a distanza ci ha pensato un cordone di agenti della polizia di Stato in tenuta anti-sommossa. 

Vertice al Pirellone

L'incontro Lega-Movimento Cinque Stelle ha preso il via a Milano nel pomeriggio di sabato. Presenti Luigi Di Maio (arrivato in ritardo rispetto all'orario condordato di avvio) e Matteo Salvini. Intanto avevano già preso avvio i tavoli tecnici con gli esponenti dei due schieramenti, tra cui il fedelissimo di Di Maio, Alfonso Bonafede e il responsabile economico della Lega, Claudio Borghi. All'incontro al Pirellone sono presenti il deputato m5s Alfonso Bonafede, Stefano Buffagni, Vincenzo Spadafora e Laura Castelli e l'ex candidato governatore M5S alle recenti elezioni lombarde Dario Violi, l'unico che rilascia dichiarazioni: "Verrà istituito un tavolo tecnico alla fine si troverà un accordo". Presenti anche il vicesegretario leghista Giancarlo Giorgetti, Gianmarco Centinaio, capogruppo al Senato per il Carroccio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contestazioni e proteste fuori dal Pirellone per il vertice politico Salvini-Di Maio

MilanoToday è in caricamento