Corona deve restare in carcere: "Gravi condotte anche quand'era in affidamento"

La decisione e le motivazioni del tribunale del riesame che ha respinto la richiesta di custodia cautelare ai domiciliari per l'ex agente fotografico

Fabrizio Corona (Instagram)

Fabrizio Corona deve restare in carcere. Lo ha stabilito il tribunale del riesame che ha valutato, e respinto, la richiesta degli arresti domiciliari. L'ex agente fotografico è accusato di intestazione fittizia di beni e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, in relazione al "tesoretto" di un milione e 700 mila euro trovato nel sottotetto dell'abitazione della sua collaboratrice Francesca Persi, oltre a 900 mila euro in una cassetta di sicurezza di una banca austriaca.

In seguito è stato anche sequestrato l'appartamento di via De Cristoforis (zona corso Como, valore di due milioni e mezzo) in cui abita Fabrizio Corona, che sarebbe intestato ad un suo collaboratore.

Secondo i giudici del riesame, Corona «si è reso responsabile di gravi condotte» anche mentre era in affidamento, continuando a mostrare «indifferenza verso il rispetto delle regole e i benevoli trattamenti sanzionatori e di esecuzione della pena concessigli». Ragion per cui, se andasse ai domiciliari, sarebbe elevato «il pericolo di inquinamento probatorio». Per il riesame, il "curriculum" di Fabrizio Corona è tale da non consentire, insomma, la custodia cautelare "attenuata" ai domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I giudici contestano anche il fatto che Corona abbia sostanzialmente ammesso che quel denaro fosse suo ma di essere intenzionato a pagare le tasse su di esso: «Riesce difficile credere alla volontà riparatoria», scrivono i magistrati, considerando che parte del denaro era già stato trasferito in Austria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento