Cronaca

Per questo video rap postato su Instagram Fabrizio Corona rischia di tornare in carcere

Ecco il video che rischia di far tornare Corona in carcere. E non sono le uniche immagini

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il giudice era stato chiaro: né foto né video sui social network. Eppure, l'obbligo di restare in silenzio deve essere sfuggito a Fabrizio Corona, che per un breve "spot" pubblicato sul suo profilo Instagram adesso rischia di tornare - per l'ennesima volta - dietro le sbarre. 

Lunedì, infatti, la Procura generale di Milano ha chiesto la revoca dell'affidamento terapeutico concesso all'ex re dei paparazzi - tornato libero lo scorso 21 febbraio - proprio perché l'ex agente fotografico, subito dopo essere uscito dal carcere, ha violato le prescrizioni dell'affidamento postando foto e video sui social. 

La colpa è di questo video che - sulle note di "Estate dimmerda" del rapper Salmo - mostra Corona all'uscita dal carcere, a spasso per Milano e in alcuni momenti teneri, tra baci e coccole, con la sua attuale fidanzata Silvia Provvedi. 

Le immagini, tra l'altro, non sono le uniche apparse negli ultimi giorni sul profilo di Corona, che ha postato anche diverse foto che lo ritraggono sempre con una maglia e una felpa addosso con la scritta "#Adalet", il nome di un movimento di ribellione turco degli anni '60 che significa "Giustizia" e - più probabilmente - un futuro progetto di moda dello stesso Corona. 

A decidere le sorti dell'ex re dei paparazzi sarà il giudice Simone Luerti, che ha anche obbligato il quarantatreenne - la cui pena "scade" nel 2021 - a frequentare ogni giorno un centro antidroga di Limbiate per disintossicarsi dalla sua dipendenza dalla cocaina. 

Già nel 2015, Corona era stato affidato in prova ai servizi sociali ma quasi un anno dopo era stato arrestato per gli ormai famosi 2,7 milioni di euro trovati a casa di una sua storica collaboratrice e in una cassetta di sicurezza di una banca austriaca. 

Durante il primo periodo con i servizi sociali, all'ex re dei paparazzi era stato anche concesso di fare serate in discoteca, dalle quali sarebbero arrivati parte dei soldi sequestrati poco dopo.

Questa volta le restrizioni erano diverse, sempre che Corona si "arrenda". 

•A • D • A • L • E • T • #Giustizia. . Staff.

Un post condiviso da Fabrizio Corona (@fabriziocoronareal) in data:

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per questo video rap postato su Instagram Fabrizio Corona rischia di tornare in carcere

MilanoToday è in caricamento