menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Questo è solo l'inizio...": Fabrizio Corona denunciato per le minacce ai magistrati

Dopo aver saputo di dover tornare in cella, Corona si era ferito e si era scagliato contro i pm

Ancora guai per Fabrizio Corona, che da giovedì scorso è ricoverato nel reparto di psichiatria del Niguarda di Milano, dove sembra stia facendo lo sciopero della fame e della sete. Quel giorno, il 46enne ex re dei paparazzi aveva scoperto di dover tornare in carcere dopo che il tribunale di sorveglianza aveva annullato il differimento della pena per una serie di violazioni, e aveva reagito tagliandosi le vene per poi apparire sui social col volto insanguinato. 

Segui il canale YouTube di MilanoToday: video e anteprime gratis

Adesso proprio quei video postati su Instagram gli costeranno una denuncia per minacce perché nelle clip Corona si era scagliato contro il sostituto procuratore generale, Antonio Lamanna, - che aveva chiesto il suo ritorno in cella - e contro il magistrato del tribunale di sorveglianza, Marina Corti, che aveva preso la decisione di riaprire le porte del carcere per Corona, che nel 2019 aveva ottenuto i domiciliari per potersi curare da alcuni problemi psichici legati alla dipendenza da cocaina. 

La lettera di Celentano a Fabrizio Corona

Secondo magistrati e giudici, però, il 46enne avrebbe più volte violato le prescrizioni - su tutte il non utilizzo dei social, il divieto di uscire di casa e di apparire in tv -, motivo per cui deve tornare in carcere. "Questo è solo l'inizio, dottoressa Corti, signor Lamanna questo è solo l'inizio. Quant'è vero Iddio sacrificherò la mia vita per togliervi da quelle sedie", aveva detto l'ex agente fotografico nel video postato su Instagram, in cui appariva con il volto sporco di sangue. 

A indagare sulle minacce ora saranno i pm di Brescia, procura competente per i reati commessi nei confronti dei magistrati milanesi. L'avvocato di Corona, Ivano Chiesa, ha invece già fatto sapere che presenterà ricorso in Cassazione contro la decisione perché secondo il legale tutte le relazioni degli esperti agli atti dicono che l'ex fotografo non può tornare in carcere per continuare le cure per la sua patologia psichiatrica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Meteo

    A Milano continuerà a fare freddo (almeno per un po')

  • Attualità

    Spettacolo: "Regole per ripartire, tutela di lavoratori e aziende"

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento