menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Coronavirus, le università agli studenti di ritorno dalla Cina: «State a casa 2 settimane»

Intanto crollano i turisti cinesi a Milano: gli effetti si fanno sentire su bar, negozi, ristoranti e alberghi

La Camera di commercio ha avvertito del pericolo che gli imprenditori cinesi (più di 5.500 a Milano) possano subire un contraccolpo da una eventuale "psicosi" da Coronavirus. Ma i dati dicono che i contraccolpi sono già in atto. Innanzitutto sul fronte turistico: secondo la Confcommercio, che ha "l'occhio vigile" su bar, ristoranti, alberghi e negozi, il turismo cinese a Milano (che ha un trend di sempre maggiore rilevanza: ultimamente porta fatturati per 300 milioni di euro al mese) sarebbe al 40% in meno rispetto al periodo immediatamente precedente all'esplosione del virus. 

Coronavirus, partiti i controlli a Malpensa

Alcuni degli enti che stanno agendo in maniera preventiva sono le università. La Cattolica raccomanda, per esempio, a coloro che sono da poco rientrati dalla Cina di attenersi alle linee guida, tra cui non frequentare luoghi affollati per 14 giorni e ovviamente contattare il medico in caso di febbre o altri sintomi influenzali. Il Conservatorio di Como ha lanciato lo stesso invito attraverso il proprio sito web. I Conservatori sono particolarmente sensibili alla questione perché sono tanti gli studenti asiatici che vengono a studiare musica in Italia, e non dimentichiamo che il 25 gennaio era capodanno cinese, per cui non pochi sono rientrati in patria per i festeggiamenti.

Coronavirus, annullata parata capodanno cinese

Studente sta bene ma lo stesso in "quarantena"

All'Università di Pavia è accaduto un caso un po' particolare. Uno studente è arivato da Wuhan, la città focolaio del Coronavirus, lunedì: il suo tutor gli ha fatto fare alcune analisi al San Matteo, l'ospedale cittadino, e tutto era nella norma: il ragazzo non aveva l'influenza. Ma ugualmente l'ateneo gli ha chiesto di restare a casa, a Milano, per i canonici 14 giorni, durante i quali l'università lo aggiornerà con materiali appositi sul corso che sta seguendo. Una misura precauzionale che il rettore Francesco Svelto definisce di buon senso.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento