Coronavirus, rabbia carabinieri: "Ai militari in strada gel igienizzanti scaduti ad agosto"

La lettera di Unarma, associazione sindacale. Da via della Moscova posizione diversa

Lavorano in quelli che tecnicamente vengono definiti "ambienti particolarmente a rischio di contagio". Si trovano a operare ogni giorno per strada nel bel mezzo dell'emergenza Coronavirus, che soltanto in Lombardia - stando ai dati ufficiali delle 18 di venerdì 6 marzo - ha già fatto registrare 2612 casi di contagio e 135 vittime. Eppure, quando la centrale chiama, loro non possono tirarsi indietro, devono andare e intervenire in una città che spinge sempre di più verso la "socialità ridotta" e verso lo smart working.

In cambio loro, che sono i carabinieri, avrebbero diritto soltanto a una cosa: una sorta di kit di protezione per ridurre al minimo, o quanto meno provarci, il pericolo di contagio in caso di interventi "particolari". Quindi: guanti, mascherine e gel. Però, stando a quanto denunciato e messo nero su bianco da "Unarma" - l'associazione sindacale carabinieri - per molti di loro non è stata usata neanche questa precauzione. 

Coronavirus, "gel scaduto ai carabinieri"

"Continuano a giungere a questa associazione sindacale carabinieri segnalazioni di preoccupazioni da parte, in questo caso, del personale militare del nucleo radiomobile di Milano che opera in ambienti di lavoro ritenuti particolarmente a rischio di contagio da Coronavirus, i quali segnalano che i dispositivi di protezione individuale, Dpi, distribuiti sono scaduti", si legge in un documento indirizzato al comando generale dell'arma dei carabinieri e al comando legione carabinieri Lombardia.   

"Nello specifico - sottolineano dal sindacato - il presidio medico battericida e virucida, risulta scaduto nell'agosto del 2019": in sostanza il gel dato in dotazione ai vari militari delle pattuglie sarebbe scaduto dall'estate. Non avrebbe nessuna controindicazione, ma - evidentemente - se così fosse, non avrebbe nessuna utilità. 

"Sostituirli con quelli validi"

"Rilevato che tra gli interessi primari di questa associazione, portatrice di interessi diffusi, vi è la tutela della salute del carabiniere, diritto fondamentale dell'individuo e del lavoratore militare, nello spirito di offrire la massima collaborazione per la riduzione del rischio di infezione tra i militari operanti in prima linea e per prevenire la propagazione del virus, si segnala - chiedono da Unarma - l'urgenza di porre in essere tutte le procedure necessarie alla verifica dell'idoneità dei Dpi finora distribuiti".
 
"Si chiede - si conclude la lettera a firma segreteria nazionale - di ritirare immediatamente i prodotti scaduti e sostituirli con quelli in corso di validità". 

Stando a quanto filtra da via della Moscova, i gel inizialmente dati in dotazione ai carabinieri appartenevano a "vecchie distribuzioni", mentre - fanno sapere - i dispositivi assegnati ora sono "assolutamente in regola con le scadenze". 

Gel scaduto e poche maschere? 

Secondo quanto risulta a MilanoToday, però, la realtà in strada sarebbe un po' diversa, probabilmente anche per l'elevato numero di "dispositivi" da reperire e distribuire - le stesse difficoltà le sta avendo la regione coi medici - e chiaramente perché la situazione in sé è evidentemente di natura "eccezionale" e per questo difficile da gestire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nelle auto di pattuglia, infatti, ci sarebbero ancora molti gel scaduti - qualcuno addirittura a maggio - e le mascherine protettive sarebbero riservate soltanto al capo turno e al comandante di squadra. Da qui la richiesta del sindacato di fare presto. Intanto, i carabinieri continuano a intervenire. Sempre.   

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, terribile schianto in pieno centro: gravissimo un ragazzo

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Non è affatto detto che Milano torni a essere quella di prima

  • Rapinatore bloccato con un pugno in faccia da un passeggero: fermato e liberato 24 ore dopo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento