menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Repertorio

Repertorio

Coronavirus, in aereo niente trolley in cabina: l'Enac vieta l'uso delle cappelliere in volo

Si tratta di norme sanitarie, non aeronautiche, che hanno lo scopo di evitare assembramenti

Sui voli da e per l’Italia e all’interno del nostro Paese, per ragioni sanitarie non è consentito a nessun titolo l’utilizzo delle cappelliere. Pertanto, in merito al bagaglio a mano, si precisa che è consentito portare a bordo solo bagagli di dimensioni tali da poter essere posizionati sotto il sedile di fronte al posto assegnato, secondo i limiti fissati dalle singole compagnie. È uno dei chiarimenti dell’Ente Nazionale per l’aviazione civile inviati in una comunicazione alle compagnie aeree che operano in Italia per chiarire, a seguito delle indicazioni ricevute dal ministero della Salute e dal Comitato tecnico scientifico per la gestione dell’emergenza covid-19.

“Si tratta di norme sanitarie, non aeronautiche, che hanno lo scopo di evitare assembramenti, movimenti a bordo e contatti ravvicinati tra i passeggeri. Si precisa che nessun costo aggiuntivo può essere richiesto dalle compagnie aeree al passeggero per l’imbarco del bagaglio in stiva”, chiarisce l’Enac.

La critica contro il divieto del bagaglio a mano in aereo

“Il divieto di imbarcare il bagaglio a mano sugli aerei, tra incertezze sui rimborsi e prenotazioni fantasma, dimostra ancora una volta che in Italia a pagare sono sempre i passeggeri. Tale misura, oltre a disincentivare il turismo nel nostro Paese, lede i diritti dell’utente, sul quale ricadranno i costi dei bagagli riversati in stiva col pretesto di evitare i contagi, e risulta paradossale poiché è abolito proprio il distanziamento sociale per far viaggiare gli aerei a pieno carico. La decisione di Enac, in osservanza delle disposizioni internazionali introdotte dall’Icao, ci arriva come l’ennesimo segnale di lassismo da parte del governo nazionale, che, privo di idee, si affretta a recepire tali direttive contro gli interessi degli italiani”.

Questo il commento in una nota congiunta di Elena Maccanti, Massimiliano Capitanio, Fabrizio Cecchetti, vicepresidente vicario del Gruppo Lega alla Camera, Giuseppe Donina, Antonietta Giacometti, Alessandro Morelli, Edoardo Rixi, Giovanni Tombolato, Adolfo Zordan, deputati della Lega in Commissione Trasporti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona rossa: le faq aggiornate a marzo 2021 per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento