rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Corso Buenos Aires: la manifestazione non si fa più ma c'è lo sgombero

E' stata annullata la manifestazione indetta dai residenti di corso Buenos Aires per domani. In cambio i residenti hanno ottenuto rassicurazioni e fatti concreti: "Nella notte è stata sgomberata la galleria e i controlli di stamattina hanno ridotto gli ambulanti", ci dice il presidente di Buenos Aires Futura

Era prevista per domani mattina alle ore 11 la manifestazione indetta dall’associazione dei commercianti di corso Buenos Aires che, insieme ai residenti della zona, avevano chiesto l’aiuto delle istituzioni per risolvere i problemi legati alla presenza di ambulanti abusivi lungo la via e di rifugiati politici che bivaccavano continuamente in una delle gallerie del corso.

Non avendo ricevuto risposte soddisfacenti, i cittadini erano passati all’azione indicendo appunto il presidio di domani e ricevendo l’attenzione dell’opinione pubblica anche a causa di un volantino apparso negli scorsi giorni e nel quale le parole erano state molto dure, facendo addirittura temere episodi di intolleranza nei confronti degli stranieri.

Nonostante l’adesione di alcuni esponenti politici di maggioranza ed opposizione, la posizione di Palazzo Marino si era dimostrata alquanto scettica e aveva pubblicamente fatto sapere di non essere favorevole alla manifestazione.

Forse anche per questo motivo qualcosa è cambiato nella giornata di ieri: l’associazione Buenos Aires Futura ha fatto sapere tramite il suo presidente Luigi Ferrario che un incontro con le autorità di pubblica sicurezza e con le istituzioni territoriali ha portato la questione ad una svolta e i cittadini hanno ricevuto le necessarie garanzie per far sì che la manifestazione venisse annullata grazie al raggiungimento degli obiettivi che si erano posti. “La scorsa notte” – continua il presidente – “un’operazione di polizia ha sgomberato la galleria che era utilizzata come dormitorio dai rifugiati politici e già da questa mattina i maggiori controlli delle forze dell’ordine hanno ridotto sensibilmente il numero di ambulanti”.

Ferrario dice poi che “il prossimo venerdì ci sarà un altro incontro con il prefetto e che se le garanzie date saranno confermate e porteranno ad un cambiamento duraturo migliorando la situazione della via, non ci saranno altre manifestazioni”.

Non sappiamo ancora quali saranno le misure che vorranno adottare le autorità per garantire la sicurezza nella zona né come si risolverà la questione dei rifugiati, che in quanto tali hanno diritto ad una adeguata assistenza da parte delle istituzioni. Su questo punto anche l’associazione ribadisce sulla propria pagina internet l’importanza di trovare una soluzione dignitosa e dichiara che la protesta non era da intendersi come un’azione contro gli immigrati ma a favore del rispetto delle regole.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corso Buenos Aires: la manifestazione non si fa più ma c'è lo sgombero

MilanoToday è in caricamento