Milano, il corteo antifascista cambia percorso: "Non ci impedirà di bloccare la marcia 'nera'"

La questura ha chiesto agli organizzatori di modificare il percorso del loro corteo: i dettagli

La manifestazione in piazzale Loreto

"La troppa vicinanza con il raduno dei neofascisti in piazzale Susa è la motivazione che la Questura ha utilizzato per chiedere la modifica del nostro corteo. Non comprendiamo il motivo di questa decisione dato che è stato vietato ai fascisti di sfilare. Con senso di responsabilità abbiamo preso atto del nuovo percorso". Così Milano antifascista antirazzista meticcia e solidale in una nota con la quale avverte che la scelta "sia chiaro, non impedirà agli antifascisti e alle antifasciste di opporsi, in caso i fascisti si muovessero in corteo non autorizzato".

Infatti cambia, su richiesta della Questura, il percorso del corteo antifascista organizzato per lunedì 29 aprile a Milano in risposta a quello annunciato (ma non autorizzato) dall'estrema destra in ricordo di Sergio Ramelli, Enrico Pedenovi e Carlo Borsani. 

La manifestazione per Sergio Ramelli: tensioni tra estrema destra e polizia. Le immagini

Il nuovo percorso del corteo antifascista a Milano

Il nuovo percorso parte da piazzale Loreto e prosegue lungo via Costa, piazza Durante, via Teodosio, via Pacini, piazza Piola, viale Romagna e via Pascoli".  

Alle 18.30, dopo un presidio in piazzale Loreto per dire no alla "giornata nera" isi parte in corteo. "Nella nostra città, Medaglia d’Oro della Resistenza, quella data non è mai stata una semplice ricorrenza ma un appuntamento di popolo partecipato, determinato e consapevole nella difesa dei valori antifascisti e nella attualizzazione della Resistenza ai giorni nostri contro ingiustizie, povertà, indifferenza e razzismo", spiegano gli organizzatori.

"La giornata del 29 Aprile è diventata di fatto un momento nazionale di mobilitazione delle formazioni nazifasciste da contrapporre al 25 Aprile, con raduni militareschi, grande sfoggio di saluti romani e di tutta la lugubre retorica scenica del ventennio. È una vergogna - concludono - che non possiamo più tollerare".

La fiaccolata vietata

Alle 20 si ritroveranno gli attivisti delle "sigle nere", CasaPound, Lealtà Azione e Forza Nuova. Per loro l'appuntamento è in piazzale Susa, da dove partirà poi la fiaccolata diretta con ogni probabilità in via Paladini, sotto casa dello studente. 

"Portiamo alta la fiaccola del ricordo - l'annuncio su Facebook di CasaPound, evidentemente intenzionata a ignorare il divieto del prefetto -. Il 29 aprile a Milano corteo per Sergio Ramelli".

Vandali in azione: danneggiata la lapide dedicata a Ramelli

Nella notte tra domenica e lunedì 29 aprile alcuni vandali hanno imbrattato la lapide dedicata a Sergio Ramelli di via Paladini a Milano lanciando della vernice rosa.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento