rotate-mobile
Giovedì, 26 Maggio 2022
Cronaca

Ponte crolla sulla Statale, un morto e cinque feriti: tre ore prima cadevano già calcinacci

La nota dell'Anas: "Il cantoniere ha constatato il distacco di alcuni calcinacci alle 14"

I primi segnali di cedimento alle ore 14. L’allarme lanciato pochi minuti dopo. Poi, la richiesta di una “ordinanza formale”, i ritardi e l’ispezione che doveva iniziare proprio mentre si consumava il disastro. 

Crolla ponte sulla Valassina: un morto e cinque feriti - Foto B&V

Tre ore prima del crollo, il ponte della strada Provinciale 49 - poi franato sulla Statale 36, causando un morto e cinque feriti - aveva già perso alcuni calcinacci, caduti proprio sulla Valassina Milano-Lecco. 

TUTTI I VIDEO DEL DISASTRO SULLA STATALE

video ponte crollato-2

A metterlo nero su bianco poche ore dopo il disastro è Anas, che - oltre a sottolineare che il trasporto eccezionale era stato autorizzato dalla Provincia di Lecco - in una nota spiega che "il cantoniere Anas addetto alla sorveglianza del tratto della strada statale 36 al km 41,900 già attorno alle ore 14.00, avendo constatato il distacco di alcuni calcinacci dal manufatto, ha disposto immediatamente la loro rimozione e la parzializzazione della SS36 in corrispondenza del cavalcavia”.

VIDEO - Il disastro sulla strada Statale 36: le immagini

video ponte-3

“Subito dopo il cantoniere, in presenza della Polizia Stradale - prosegue la nota Anas - ha contattato gli addetti alla mobilità della Provincia di Lecco, responsabile della viabilità sul cavalcavia, e li ha ripetutamente sollecitati alla immediata chiusura della strada provinciale SP49 nel tratto comprendente il cavalcavia”. 

Ponte crolla sulla Valassina - FOTO

Quindi, pochi minuti dopo la tragedia. “Gli addetti della Provincia hanno richiesto un’ordinanza formale da parte di Anas che implicava l’ispezione visiva e diretta da parte del capocentro Anas, il quale si è attivato subito, ma proprio mentre giungeva sul posto il cavalcavia è crollato”. 

Proprio in quel crollo è morta una persona, il lecchese Claudio Bertini. E altre cinque, tra cui tre bambini, sono rimasti feriti.  

Il Ministero dei Trasporti, dal canto suo, ha fatto sapere di aver aperto un'indagine interna, anche perché quel ponte - costruito dalla provincia di Como negli anni '60 - era stato ristrutturato nel 2006 in seguito alla collisione con un camion.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponte crolla sulla Statale, un morto e cinque feriti: tre ore prima cadevano già calcinacci

MilanoToday è in caricamento