rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca Gorla / Viale Monza

Sequestrati due cuccioli sfruttati per l'elemosina a Milano

L'intervento delle guardie zoofile di Oipa. Sanzionati i detentori

Due cuccioloni di cane usati per l'accattonaggio sono stati sequestrati dalle guardie zoofile dell’Organizzazione internazionale protezione animali di Milano e Monza Brianza. I detentori, nel frattempo, sono stati multati.

A differenza della cagnolina Tara che, come denunciato nei giorni scorsi da Task Force Animalista, è morta per le pessime condizioni in cui veniva tenuta dal suo padrone, un senza fissa dimora tossicodipendente, i due animali sono ora salvi. Entrambi erano detenuti da due diversi clochard che li utilizzavano per chiedere l'elemosina, nonostante avessero meno di un anno, pratica vietata dalla normativa regionale lombarda. I sequestri sono avvenuti uno in via Paolo Sarpi e l'altro in viale Monza.

Morta la cagnolina Tara: "Il Comune è complice. Basta sfruttare gli animali"

In uno dei due casi, per di più, la persona era già stata controllata dagli agenti Oipa quattro mesi prima risultando detentrice di un altro cane. Mentre nell'altro, non aveva documenti, essendo quindi impossibilitato a provare di essere effettivamente il proprietario dell'animale. I cuccioloni, dopo il sequestro, sono stati visitati dai veterinari e ora sono ospiti del Parco Canile di Milano. Tra 90 giorni, se non riscattati, saranno adottabili. "Questa azione rientra nel nostro contrasto al traffico illegale di cuccioli provenienti dai paesi dell’Est e 'distribuiti' a senza fissa dimora senza scrupoli - spiega a MilanoToday il coordinatore delle guardie zoofile Oipa di Milano, Monza Brianza, Fabio D’Aquila -. Spesso questi cuccioli, che arrivano in Italia senza neppure le vaccinazioni obbligatorie e spesso con documenti e passaporti falsi, finiscono nel giro dell’accattonaggio dopo essere stati strappati dalle madri ancora piccolissimi e avere affrontato un viaggio terrificante stipati in furgoni".

"L'arrivo di questi animali va a ondate - ci spiega D'Aquila al telefono -. Ultimamente molti cuccioli sono arrivati dalla Bulgaria; in passato molti provenivano dalla Repubblica Ceca. In generale, il traffico di animali è ad opera di bande che agiscono nei Paesi dove ci sono meno controlli. Nel 2022 abbiamo effettuato decine di interventi sugli animali detenuti da persone senza fissa dimora, che in qualche caso hanno portato a veri e propri sequestri". Spesso, infatti, i cani hanno passaporti falsi, come evidenziato anche dalle verifiche del nucleo tutela animali della polizia locale. Gli animali vengono utilizzati per qualche mese quando sono ancora piccoli e non è chiaro poi che fine facciano.

Per i clochard che invece dividono la vita con il proprio cane, senza sfruttarlo e farlo vivere nella totale incuria, Oipa interviene invece con il progetto Virginia, attivo dal 2018 e volto a garantire assistenza veterinaria e comportamentale gratuita per i cani dei senzatetto di Milano. Il Progetto Virginia mette a disposizione un medico veterinario e un educatore cinofilo per garantire agli animali le cure veterinarie di base e per fornire indicazioni e consigli per gestirli al meglio. Un piano analogo a favore degli animali dei senza tetto è stato predisposto anche dall'associazione Save the Dogs. Per ulteriori segnalare situazioni sospette o di maltrattamento è possibile scrivere all'indirizzo guardiemilano@oipa.org.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sequestrati due cuccioli sfruttati per l'elemosina a Milano

MilanoToday è in caricamento